Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali/II/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L tešoro dĕ Predazzo

../10 ../12 IncludiIntestazione 14 marzo 2016 25% Da definire

II - 10 II - 12

[p. 71 modifica]

tan alla grana e fabriquè chases de raùr, què ne fóa insta la moda ta Fodòm.


L tes̀óro de Predazzo.


N půrĕ carigá dĕ Predazzo fô na òta sté a Venezia ed illó sůl pont dĕ Rialto gnivel na òta allʼ an da quī dela scola foscia credá fora i tešóri scognús per l mon. Queš pů́re carigá scolta pro: “Predazzo, valle di Fieme casa tale, sotto il focolare un gran tesoro.” Degůn nĕ savóa, olláque quëš foss. L carigá scolta quīt, nĕ dige nia a degůnʼ, sen vegne a chasa, fége amiçizia coi patrons dĕ quëlla chasa, giava fora sott frogoré l tešoro e i dá sůa pért ai patrons.

La lum di Pontátʼ.


Sů i Pontátʼ dĕ Badia èl dĕ nètt gonót na lu̥m, quĕ jora ia e ca, sů e jů, e tira saltʼ da n lůc allʼ ater; ëlla è dèbla inscique la lu̥m den ciů́c fratt, quʼ an vèga datrai dĕ nètt; inche tĕ cortina la vèghen saltan da na fossa allʼ atra. N caplan, quĕ lʼ â odůda plů gonót, credô, quʼ ël foss na


vero si maravigliava, come tutt’ad un tratto potessero spacciarla così da grandi e fabbricar case, il che non era appunto cosa solita in Livinallongo.

Il tesoro di Predazzo.

Un povero calzolaio di Predazzo avanti tempo era andato a Venezia, ove sul ponte di Rialto una volta all’anno dai negromanti veniva palesato, dove si trovassero i tesori nascosti pel mondo. Il nostro povero calzolaio sente: „ Predazzo, valle di Fieme, casa tale, sotto il focolare un gran tesoro." Nessuno sapeva, ove ciò fosse. Il calzolaio si tace, non ne dice parola a nessuno, sene ritoma a casa, stringe amicizia coi padroni di quel casolare, cava sotto il focolare il tesoro e ne dà la parte convenuta ai padroni

Il lume di Pontat'1.

Sui Pontat’di Badia di notte appare di spesso un lume, che vola qua e là, su e giù, saltellando da un luogo all’altro; esso è un fievole bagliore simile a quello, che emana qualche volta nelle ore notturne da un cespite fracido; anche nei cimiteri sene vedono girare da una tomba [p. 72 modifica]

lu̥m natorale e l desplicava inche a gent, quĕ minâ, quʼ ël foss les půres animes, quĕ rabescèss da n lůc allʼ ater. Mo na sëra despó quʼ ël ava charé pro n pèz, i jórela sů sůn so vider e ël sĕ spérde tan, quʼ ël sʼ ammara e mu̥re dal spavent.




Inche dʼ atri signái an gonót aldí contan. Datrái alden na cógora berdoran fora per quëlles stůs, datrái sal quĕ zacá tlocorë́iĕ tĕ quī parë́is, gonót elʼ chi l důlĕ quĕ jora dĕ nètt sůl tëtt dela chasa, olláque ůn a prëš da morí; mo l plů gonót vèghen na lu̥m gean incë́rc.

Pontíves. 2

Fora inso̊m Gherdë́na scomë́ncia důt ten iadĕ n bů́ge bůrt e strent, plegn dĕ pedrons, e důra na bona mèssʼ òra. Illó fora nʼ èsen ʼchi dĕ di nĕ segůš da pedrons quĕ vegne jů, e dĕ nètt chamó dĕ manco, perchí quĕ fora dĕ quëš sĕ më́ssen ʼchi temë́i da ria gent, da strīs e dallʼ Orco. Al manco fôla inscí na òta, mo şegn quʼ ël è stra-


all’altra. Un cappellano, che lo vedeva di spesso, credeva, che fosse un lume naturale e ne dava la spiegazione alla gente, che riteneva, fossero le anime dei defunti girovaghe da un luogo all’altro. Però una sera dopo d’averlo egli contemplato per qualche tempo, selo vide volar su alla sua finestra, per cui egli sene sbigottì di tal maniera, che ammalatosi morì dallo spavento. Si udì raccontare di spesso anche d’altri fantasmi. Ora si sente rotolare una palla per le stanze, ora sembra, che qualcheduno picchi alle pareti, di spesso perfino il gufo di notte vola sul tetto della casa, nella quale uno deve fra breve morire, però quello che si vede piti spesso è un lume, che gira attorno.

Pontives.

All’estremità di Gardena comincia tutt’ad un tratto una imboccatura di monte brutta e stretta, piena di sassoni, che continua così per una buona mezz’ora. Là non si è sicuri neppure durante il giorno dai sassi, che precipitano dal monte, e meno ancora di notte, perchè oltre i sassi si deve temer’anche la cattiva gente, le streghe e

71

titolo:L tes̀óro de Predazzo.


N půrĕ carigá dĕ Predazzo fô na òta sté a Venezia ed illó sůl pont dĕ Rialto gnivel na òta allʼ an da quī dela scola foscia credá fora i tešóri scognús per l mon. Queš pů́re carigá scolta pro: “Predazzo, valle di Fieme casa tale, sotto il focolare un gran tesoro.” Degůn nĕ savóa, olláque quëš foss. L carigá scolta quīt, nĕ dige nia a degůnʼ, sen vegne a chasa, fége amiçizia coi patrons dĕ quëlla chasa, giava fora sott frogoré l tešoro e i dá sůa pért ai patrons.
  1. Monte in Badia.
  2. Chiamasi così quel luogo di verso Sud. Gardena, ove sono le ultime case