Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali/III/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Në n'è nia vëi

../15 ../17 IncludiIntestazione 19 marzo 2016 25% Da definire

III - 15 III - 17

[p. 111 modifica] bona mëda, prë́ie pů tan bèll, iʼ mu̥re da fan.” “Nia, vatene, scĕ no quërdi l chan; l scarté è del porcèll ël.” “Begn, mëda, iʼ ó pa priè l porcèll, forsci quʼ ël sĕ më́na pichè dĕ mé. – Porcèll, bèll gran porcèll, iʼ tĕ prë́ie tan bèll, láscemĕ mangiè con té”. L porcèll i chara, mo nĕ capësce nia chi quĕ quël půrĕ om ó. Alla fin sĕ stůffa ʼchi l mat, pë́ia l porcéll tʼ les orë́dles e l scíora ten piz e sĕ mangia fora l scarté. Důt content sen val da porta fora l půrĕ mat digean: “Diolan begn fórt, porcèll, diolan begn fórt.” Mo l porcell ti charâ pa ma fètter da dessené ël. Tenʼ atra chasa dĕ půra gent vegnel n di quel mat plegn dĕ fan e prë́ia: “Mëda, bona mëda, scĕ savèsses chi fan quʼ iʼ a.” “Chʼ orèsses pa?” “Mëda, prë́ie bèll den pice zigher, iʼ i a tan la gola.” “Quilló, n zigher tĕ dai begn,” “Oh mëda, na té grazia nĕ mʼ a fatt degůnʼ chamó.” Iʼ prëie pa quël bèll Dī, quʼ ël sĕ tole quel bèll pice můt sůn paraíš; charède pa, quan quʼ iʼ vegne pa nʼ atra òta, èl pa sůn paraíš quel pice.” “Oh, ël è mat,” sĕ pensa la mëda. Mo ëlla è stada

fame. * „ Vattene, brutto matto. * „ Comare, buona comare, vi prego di vero cuore, muoio di fiime. ", Niente, vattene, altrimenti chiamo il cane; la farinata è per il porco. " „ Bene, comare, voglio pregar’il porco, forse avrà compassione di me. — Porco, bel porcone, ti prego di tutto cuore, lasciami mangiar teco. " Il porco lo guarda, ma non capisce nulla di quel che vuole quel povero uomo. Alla fine anche il pazzo perde la pazienza, piglia il porco per le orecchie, lo scaraventa in un cantuccio e si mangia tutta la farinata. Tutto contento il povero pazzo sorte dalla porta dicendo: „ Dio telo meriti tanto, porco. Dio telo meriti. ** Il porco però lo guardava piuttosto sdegnosamente. Il medesimo pazzo un giorno viene afFam.ato in un altra casa di povera gente e prega: „ Comare, buona comare, se sapeste, qual fame patisco. " „ Che cosa vorresti?" „ Comare, vi prego d’un formaggio, mi piace tanto. * a Eccoti, un formaggio telo do bene. ", Oh comare, una grazia tale non mi fece ancora nessuno. Pregherò il nostro Signore, che si prenda questo vostro bel bambino in paradiso; vedrete, quando tornerò un’altra volta, questo piccolo sarà in paradiso. «„ Oh, [p. 112 modifica]

inscí ëlla; l pice sʼ è ammaré e mu̥re prëš; mo l mat vegne a mangiè cannifli1 ël pro cëna da mort.

Nĕ nʼ è nia vëi.


N půrĕ pë́tler prë́ia n gran signůr dĕ val da mangiè, quʼ ël a tan fan. “Scĕ tʼ as fan, spo as la miů́ cu̥ga”, dige l signůr. “No, no, quël no quël; scĕ la fan fossa la miů cu̥ga, ves la tignisses pa begn òs sciòri e nĕ la lascasse a nos půri arfamá2 no.”

N mat.


Na òta fôl n mat jů alla Val dër devot. Quan quʼ ël gī a di les stazions, gīl da ůna allʼ atra, i charâ n pèz a Giešú Cristo e ai jodís, mettô man dĕ pitè e digeô spo a Giešú Cristo: “Oh půrĕ diao, půrĕ diao, ʼchi mé quĕ tʼ aras abů́!” spo sĕ dessenâl contra i manegoldi, i taccâ la můsa e digeô: “mostri del


egli è pazzo", pensa fra se la donna. Ma pure avvenne così; il ragazzino ammalatosi poco dopo sene muore; il pazzo però viene a mangiare le paste alla cena, che tiene dietro alla sepoltura. Non è mica vero Un povero mendico prega un gran signore di qualche cosa’ da mangiare avendo egli gran fame. „ Se hai fame, allora hai il miglior cuoco", dice il signore. „No, no, questo no poi, se la fame fosse il miglior cuoco, vela riterreste voi signori senza lasciarla a noi poveri affamati. " Un pazzo. Una volta giù alla Valle c’era un pazzo assai divoto. Allorché andava alla via crucis, si portava da un quadro all’altro, guardava per un tratto Gesti Cristo e gli sbirri, cominciava a piangere dicendo a Gesti Cristo: „ Oh povero diavolo, povero diavolo, che dolori non avrai tu sofferto! " di poi si arrabiava contro

Nĕ nʼ è nia vëi.


N půrĕ pë́tler prë́ia n gran signůr dĕ val da mangiè, quʼ ël a tan fan. “Scĕ tʼ as fan, spo as la miů́ cu̥ga”, dige l signůr. “No, no, quël no quël; scĕ la fan fossa la miů cu̥ga, ves la tignisses pa begn òs sciòri e nĕ la lascasse a nos půri arfamá no.”
  1. Deriva forse questa parola dal»inittelhd. knopfelìn* (piccolo bottone); così»Kiiopfli* nell’idioma del Vorarlberg e della Svizzera si chiama dò, che da noi ha nome»gnoc*; cfr. il trentino»canedali«dal tedesco Knodel; così si avrebbe Knodfelìn — Canopfli — cannifli; si cfr. anche il fr. garnir dal ahd. warnón.
  2. = affama.