Quando Ner Piccolin tornò di Francia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Angiolieri

XIII secolo Q Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Sonetti Letteratura Quando Ner Piccolin tornò di Francia Intestazione 12 novembre 2013 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 81 modifica]

QUANDO Ner Piccolin tornò di Francia
     Era si caldo de’ molti fiorini
     Che gli uomin gli parevan topolini
     E di ciascun si facia beffa e ciancia.
Ed usava di dir: ‘Mala mescianza
     Possa venire a tutt’i miei vicini,
     Quand’e’ sono appo me sì picciolini
     Che mi fôra disnor la lora usanza.’
Or è per lo suo senno a tal condotto
     Che non ha niun sì piccolo vicino
     Che non si disdegnasse fargli motto.
Ond’io metterei il cuor per un fiorino
     Che anzi che sien passati mesi otto,
     S’egli avrà pur del pan, dirà: ‘buonino!’