Raccolta di proverbi bergamaschi/Allegria, darsi bel tempo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Allegria, darsi bel tempo

../Agricoltura, economia rurale ../Ambizione, signoria IncludiIntestazione 4 aprile 2017 100% Proverbi

Agricoltura, economia rurale Ambizione, signoria
[p. 18 modifica]

ALLEGRIA, DARSI BEL TEMPO.


A cassàs al vé la gòbaAd accorarsi viene la gobba — ed equivale al proverbio toscano che dice: Chi se ne piglia muore, ed anche all’altro: Pazzo è colui che bada a’ fatti altrui.
Alégher, che ’l diaol l’è mort, e più bassamente dicesi anche: Alégher che ’l büs l’è négher — Piuttosto che proverbi sono eccitamenti a darsi bel tempo, essendo che:
[p. 19 modifica]
A pians s’è semper a tépPer piangere c’è sempre tempo — Godiamo, chè stentar non manca mai.
A sto mond al val miga a esga, ma ’l val a saìga stàNon giova l’essere al mondo, ma vale a saperci stare — poichè il mondo è di chi lo sa godere.
Bisogna lassà ’ndà ’nzó ’l SèreBisogna lasciar andare l’acqua alla china — cioè bisogna lasciare che le cose camminino naturalmente senza pigliarserne briga; e
Fastöde fé v’ in làFastidi, allontanatevi.
Fina che la té, la düraFinchè la si tiene, dura — Finchè dura, fa verzura (Tosc.); cioè finchè si gode, non si stenta.
Fortüna fa quel che tó ’ö, che quel che gh’ó üt nó tó pö tömel piöFortuna fa quel che vuoi, poichè quello che ho avuto, cioè goduto, non puoi più togliermelo — Si suol dire da chi si trova ridotto all’impotenza dopo avere colto tutte le occasioni di darsi bel tempo.
L’alegréa la piàs ac al SignùrL’allegria piace anche al Signore — purchè sit modus in rebus; anche il Salmista scrisse: Servite Dominum in lætitia.
L’alegréa ogne mal la cassa véaL’allegria ogni male caccia via — perchè, come dicono i Toscani, esso è il primo rimedio della scuola salernitana. Animus gaudens ætatem floridam facit (Salomone).
La roba l’è miga de chi la fa, ma de chi la gódLa roba non è di chi la fa, ma di chi la gode.
L’è inötel pensàga, quel che nó s’ pöl aì lassa che ’l vagaÈ inutile pensarci, quel che non si può avere lascia che vada.
[p. 20 modifica]
No s’ gh’à che quel che s’ godNon si ha se non quello che si gode.
Omo alegro il cél l’aiüta — e scherzando si aggiugne: Se ’l borla ’n tèra ’l se rompe la süca. — Anche i Toscani dicono: Gente allegra Iddio l’ajuta.
Öna buna grignada la va ’n tàt sangu’Una buona risata va in tanto sangue — e coi Toscani si direbbe: Il riso fa cuore, Il riso fa buon sangue, Ogni volta che uno ride, leva un chiodo alla bara.
Sento car de malinconéa nó i paga miga ü quatrì de dèbetCento carra di fastidj non pagano un quattrin di debito — dunque
Sèmper alégher e mai passiù — Sempre allegri e mai fastidj.