Raccolta di proverbi bergamaschi/Consiglio, riprensione, esempio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Consiglio, riprensione, esempio

../Conforti ne' mali ../Contentarsi della propria sorte IncludiIntestazione 21 febbraio 2013 75% Proverbi

Conforti ne' mali Contentarsi della propria sorte
[p. 42 modifica]

CONSIGLIO, RIPRENSIONE, ESEMPIO.


A dà di consei l’è belfàIl dar consigli è cosa facile — perciò
Töć i cà ména la cua, e töć i cojó völ dì la suaTutti i cani menano la coda, e tutti i minchioni vogliono dire la loro opinione.
A laà la cua a l’asen as’ perd l’aqua e ’l saùChi lava la coda all’asino, perde l’acqua e il sapone.
[p. 43 modifica]
Chi no völ consei de nissù, al va ’n rüina de per lüChi non vuol consiglio da nessuno, va in rovina da sè. — «Chi si confida ne’ suoi consigli è uno stolto» disse il Savio, e noi diciamo anche:
Ü bu consei al vai quel che ’l valUn buon consiglio è prezioso — e per dirlo in latino: Auro pretiosius rectum consilium, purchè sia dato in tempo. Se si fa aspettare troppo
Intàt che ’l dotùr al pensa, ol malàt al va a l’AssensaIntanto che il dottore pensa, l’ammalato va all’Ascenza — cioè muore; eppure i consigli fioccano dopo il fatto:
Quando ’l balès l’è fać, töć i völ es compàrQuando il battesimo è fatto, tutti vogliono essere compare;
Dopo ’l mal piena la ca d’ conseiDopo il male piena la casa di consigli — ma A ciò che è fatto ogni consiglio è matto, dicono i Toscani; e noi:
Dopo che ’l mal l’è fać l’è inötel i conseiPost factum nullum consilium.
Consei de du l’è miga buConsiglio di due non è buono — Due difficilmente s’accordano nel consigliare; e
Consei de tri ’l gh’à mai fiConsiglio di tre finisce mai — Dunque cerchiamo il consiglio di una persona sola, che sia onesta, savia e prudente.
Fé quel che v’díghe e miga quel che fóFate quel che vi dico e non quel che faccio — Si risponde però che La predica fa come la nebbia, lascia il tempo che trova, mentre Contano assai più gli esempj che le parole. E poi il Vangelo dice: Medice, cura te ipsum.
I sćèć I bèca (o i lèca) sö tötI ragazzi beccano su tutto — cioè imparano tutto quello che sentono o vedono, ed in particolar modo imparano quello che sarebbe bene ignorassero; perciò occorre la massima circonspezione dove sono ragazzi.
[p. 44 modifica]
Metà solć e metà parér — perchè
I parér sensa solć i è flati de lentegia e de fasöi — Si dire a coloro che sono prodighi di consigli, ma avari di ajuto materiale.
Om visàt l’è mès salvàtUomo avvisato è mezzo salvo — come pure: Uomo avvertito, mezzo munito (Tosc.).
Val piò ’l preòst e la masséra che ’l preòst de per lüValgono più il prevosto e la serva, che il prevosto solo — A Venezia dicesi leggiadramente: Sa più el papa e ’l contadin, che ’l papa solo.
Val piò tant ü mat in ca sò che ü sac ’n ca di óterPiù ne sa un pazzo a casa sua, che un savio a casa d’altri — perciò
Va ’n piassa a tö consei e pò fa quel che tó crèdet mèiVa in piazza a prendere consiglio e poi fa quello che credi meglio.