Raccolta di proverbi bergamaschi/Contentarsi della propria sorte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Contentarsi della propria sorte

../Consiglio, riprensione, esempio ../Contrattazioni, mercatura IncludiIntestazione 21 febbraio 2013 75% Proverbi

Consiglio, riprensione, esempio Contrattazioni, mercatura
[p. 44 modifica]

CONTENTARSI DELLA PROPRIA SORTE.


«La prima condizione del vivere onesto, in specie alla povera gente, è saper contentarsi della propria condizione, saper trovare in essa la pace e il decoro; e non la voler migliorare se non per merito d’operosità tranquilla e d’umile dignità.» (Tommaseo).

Bisogna contentàs del sò stàtBisogna contentarsi del proprio stato — poichè
Chi si contenta, gode. — La maggior felicità possibile in questo mondo consiste veramente nel saper contentarsi della propria sorte. Uno stato mediocrissimo, congiunto a nobiltà e fermezza di carattere, può recarci tali soddisfazioni che l’opulento ignorante o vizioso non sognerà nemmeno mai. E poi:
Chi no ’s contenta de l’onèst, al perd i cojò e pò al restChi non si contenta [p. 45 modifica]dell’onesto, perde il manico e il cesto — Eppure diventa ognora più generale una febbre ardentissima di guadagni, una sete inestinguibile di nuovi godimenti; donde un’agitazione continua degli animi ed una esistenza sempre più lontana da quella felicità che deriva dai sapere contentarsi di poco.
Bisogna fa com’ as’ pöl e miga com’ as’ völBisogna fare come si può e non come si vuole.
Chi sia bene non si mova — È sempre ripetuto in questa forma. Qui bien est ne se remue, ed anche Qui est bien s’y tienne, dicono i Francesi.
Ol Sinùr al völ nigù de contéćIddio vuole che nessuno sia contento — Gli uomini non dovrebbero accusare Iddio, ma la loro insaziabilità; onde sarà più giusto il dire:
L’om nó l’è mai contétL’uomo non è mai contento — e
Nissù è contét del sò stàtNessuno è contento del proprio stato. — Optat ephippia bos piger, optat arare caballus (Orazio).