Regno di Sardegna - Regie Patenti 17 marzo 1831

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Regno di Sardegna

1831 P Indice:Regno di Sardegna Regie Patenti 17 marzo 1831 Carlo Felice.djvu diritto diritto Regie Patenti 17 marzo 1831. Regie patenti colle quali Sua Maestà stante la sua malattia conferisce a sua dilettissima Consorte la Regina Maria Cristina la facoltà necessaria per deliberare, e firmare le Regie provvisioni relative al governo de' Regii Stati Intestazione 21 aprile 2010 100% Diritto

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
[p. 1 modifica]

REGIE PATENTI


COLLE QUALI


SUA MAESTÀ


Stante la sua malattia conferisce a sua dilettissima Consorte la Regina Maria Cristina la facoltà necessaria per deliberare, e firmare le Regie provvisioni relative al governo de’ Regii Stati.



In data 17 marzo 1831.




Coat of arms of the Kingdom of Sardinia 4.jpg



TORINO, DALLA STAMPERIA REALE



[p. 3 modifica]
CARLO FELICE

PER GRAZIA DI DIO

RE DI SARDEGNA, DI CIPRO, E DI GERUSALEMME;
DUCA DI SAVOIA, DI GENOVA
ECC.
PRINCIPE DI PIEMONTE
ECC. ECC. ECC.



Non potendo nello stato attuale di malattia in cui siamo consacrare sufficienti cure ai numerosi affari del governo dei nostri amatissimi Sudditi, e dei Regii nostri Stati, abbiamo giudicato conveniente di autorizzare intanto la Regina Maria Cristina mia dilettissima Consorte, nella quale riponiamo giustamente la piena nostra confidenza, alla spedizione di tutti gli affari di grazia, e di ogni altro, che il buon andamento del servizio potrà richiedere con firmarne in nostro nome le occorrenti provvisioni. Epperciò per le presenti, di nostra certa scienza e piena autorità, avuto il parere del nostro Consiglio abbiamo ordinato, ed ordiniamo che durante la nostra malattia, e finché altrimenti Ci piaccia di stabilire, tutti gli affari dello Stato, ed altri qualunque esigenti [p. 4 modifica]le nostre determinazioni Sovrane siano sottomessi alla decisione della dilettissima mia Consorte la Regina Maria Cristina, e le occorrenti relative Regie provvisioni, qualunque ne sia il titolo, forma, e denominazione da emanare in nostro nome siano rivestite della di Lei firma la quale avrà la stessa forza della nostra, conferendole a questo fine tutti i più ampii poteri. Mandiamo ai nostri Ministri, ed Ufficiali, ed a chiunque spetti di osservare, e far osservare le presenti, ai Senati nostri, ed alla Camera nostra de’ conti di registrarle, ed alle copie stampate nella Stamperia Reale prestarsi la stessa fede che all’originale. Chè tale è nostra mente.

Date da Torino il diciassette marzo mille ottocento trentuno.


CARLO FELICE.


V. Langosco P. P. Guarda-Sigilli

V. Raggi.

V. Pensa.

Di Colobiano.