Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto II

../Sonetto I ../Sonetto III IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto I Sonetto III


SONETTO II


Per cagion d’un profondo alto pensiero
   Scorgo il mio vago oggetto ognor presente,
   Scolpito il tiene il cor, vivo la mente,
   Tal che l’occhio il vedea quasi men vero.
Lo spirto acceso poi, veloce, altiero
   Con la scorta gentil del raggio ardente
   Sciolto dal mondo al Ciel vola sovente,
   D’ogni cura mortal scarco e leggiero.
Quel colpo, che troncò lo stame degno,
   Ch’ attorcea insieme l’una e l’altra vita,
   In lui l’oprar, in me gli affetti estinse.
Fu al desir primo; e fia l’ultimo segno
   La bella luce al sommo Sol gradita,
   Che sovra i sensi la ragion sospinse.