Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto VI

../Sonetto V ../Sonetto VII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto V Sonetto VII


SONETTO VI

O che tranquillo mar, che placid’ onde
   Solcava un tempo in bel spalmata barca,
   Di bei favori, e d’ util merci carca,
   L’ aer sereno avea, l’ aure seconde.
Il Ciel, ch’ or suoi benigni lumi asconde,
   Dava luce di nebbia e d’ ombra scarca;
   Non dee creder alcun, che sicur varca,
   Mentre al principio il fin non corrisponde.
L’ avversa stella mia, l’ empia fortuna
   Scoperser poi l’ irate inique fronti,
   Dal cui furor cruda procella insorge.
Venti, pioggia, saette il Cielo aduna,
   Mostri d’ intorno a divorarmi pronti;
   Ma l’ alma ancor sua tramontana scorge.