Rime varie (Alfieri, 1903)/LX. Immensa mole che nel ciel torreggi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LX (1781). Immensa mole, che nel ciel torreggi

../LIX. Oh chi se' tu che maestoso tanto ../LXI. Non più scomposta il crine il guardo orrendo IncludiIntestazione 10 febbraio 2021 75% Da definire

LX (1781). Immensa mole, che nel ciel torreggi
LIX. Oh chi se' tu che maestoso tanto LXI. Non più scomposta il crine il guardo orrendo

[p. 54 modifica]

LX (1781).

Immensa mole, che nel ciel torreggi,
E tutto ingombri il vaticano suolo,
Curva e lieve, che par t’innalzi a volo;
E più dall’occhio sfuggi, e più grandeggi:

Già non fia che di te l’uom favoleggi,
Nel dir che intera dall’etereo polo
Giù ti portasse un bello alato stuolo
Sovra il gran tempio, in cui per te ti reggi.

Ma se pur fosti, opra immortal, concetta
In uom mortal, donde ei l’idea mai tolse
D’una magion di Dio così perfetta?

Fervido ingegno dal suo fral si sciolse,
E in ciel d’ogni bell’opra ebbe l’eletta;
Quaggiù tornato, unica palma ei colse.