Rime varie (Alfieri, 1903)/LXIII. Dante signor d'ogni uom che carmi scriva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXIII (1783). Dante, signor d'ogni uom che carmi scriva

../LXII. O gran padre Alighier se dal ciel miri ../LXIV. Chi mi allontana dal leggiadro viso IncludiIntestazione 10 febbraio 2021 75% Da definire

LXIII (1783). Dante, signor d'ogni uom che carmi scriva
LXII. O gran padre Alighier se dal ciel miri LXIV. Chi mi allontana dal leggiadro viso

[p. 55 modifica]

LXIII (1783).

Dante, signor d’ogni uom che carmi scriva;
E più di me quant’ho mestier più forza
Sopra gl’itali cori; la cui scorza,
Debil quantunque, or fiamma niuna avviva:

Dante, non là di Flegetonte in riva,
Dove pioggia di fuoco in sangue ammorza,
Nè dove altro martire a pianger sforza,
Null’alma al par di me di pace è priva.

Strappato io son dal fianco di colei,
Ch’a ogni nobile impresa impulso e norma,
Mi ajutava a innalzare i pensier miei:

L’angiol del ciel, che sotto umana forma
Meco venia, m’è tolto: invan vorrei
Dietro a tue dotte piante or muover orma.