Ritmo della tonnara

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
R

canti cantastoria Ritmo della tonnara Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

O di cazza e portal 'allocu
alamò e alamò
megghiu lu piru ca lu varcocu
ai li cazza e arripigghia
prima la mamma e po' la figghia
si ci duna la cavigghia
e firìu vanedda e curtigghia
dda va trovu a donna Pidda
ah ca lu fazzu pi idda
ci su' li muschi di Scupeddu
ca si tìranu lu vasceddu
ch'acchianamu nni lu patruni
né assittamu nni 'u saluni
ch'aspittamu a lu patruni
ca nni duna li beddi dinari
ci li purtamu a li nostri mugghieri
è finuta la tunnara
ci li purtamu a Santa Chiara
e alamò, fìmmini beddi
e lu figghiu di Maria
e purtàmulu a l'agnuni.

Traduzione


Oh di cazza e portatelo di là
alamò e alamò
meglio il pero dell'albicocco
ahi li cazza e riprendila
prima la mamma e poi la figlia
le si dà la caviglia
e finì per strade e cortili
lì vi trovo a donna Pidda1
ah, che lo faccio per lei
ci sono le mosche di Scopello
che si sono trascinate il vascello2
che saliamo dal padrone3
ci sediamo in salotto
che aspettiamo al padrone
che ci dà i bei denari4
glieli portiamo alle nostre mogli
è finita la tonnara
glieli portiamo a Santa Chiara
e alamò, belle ragazze
e il figlio di Maria5
e lo portiamo all'angolo6.

Note

Canto dei tonnari.

  1. Pidda è il diminuitivo di Giusippidda, cioè Giuseppina.
  2. Si intende la barca.
  3. Per padrone si intende il datore di lavoro.
  4. Il compenso per il pescato.
  5. Si intende Gesù Bambino.
  6. Lo mettiamo di canto.
Voci correlate