Saggio di rime devote e morali/O di Sionne amabili

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O di Sionne amabili

../Scendete omai puri Angioletti, e intanto ../Allor che in ciel pugna fatal s'accese IncludiIntestazione 31 luglio 2012 100% Raccolte di poesie

Scendete omai puri Angioletti, e intanto Allor che in ciel pugna fatal s'accese
[p. xxvii modifica]

O Di Sionne amabili
     Spose, Fanciulli, e Vergini,
     Onor, fregio, e delizia
     4Dell’antico Israel;
Dite ora voi se videsi
     Tra’ figliuoli degli uomini
     Beltà che a questa simile
     8Creder s’avesse mai?
A questa ch’essi mirano
     Nel Nazaren risplendere:
     Di cederle confessano
     12Gli Astri, l’Aurora, e il Sol.
Chi della fronte placida
     La maestade angelica;
     Che di quegli occhi esprimere
     16L’alto splendor ne può?
I crin che lievi scendono
     Scherzanti sovra gli omeri,
     E dell’oro più nitidi,
     20Che grazia a lui non dan?
Già la vermiglia, e candida
     Guancia, e il labbro purpureo
     Abbastanza dimostrano
     24Ch’ivi sol regna amor.
Amor non già quel discolo,
     Che da mondani miseri
     Oltre a ragion si venera
     28Per quel ch’esso non è;

[p. xxviii modifica]

Ma quel che santo, e fervido
     In Ciel, e Terra folgora
     A beare quell’anime,
     32Che sono care a lui.
O di Sionne semplici
     Fanciulle, Spose, e Giovani
     Dite s’unqua vedestene
     36Tanta beltà fra voi?
Ecco il terren che florido
     Sotto dei piè diventagli;
     Ecco che fassi placido
     40Il tempestoso mar.
Ma tal beltà indicibile,
     E portamento amabile
     Supera il cor benefico,
     44Che tutti fa stupir.
Ben sanlo quei che l’amano,
     Quei che sue voci ascoltano,
     Quei che seguirlo imprendono,
     48Spiriti nati al ciel.
Tutto a lor si comunica,
     Che null’altro significa
     Che un bene incomprensibile
     52Preparagli a goder.
O di Sionne ingenui
     Abitatori, diteci,
     Ogni valor non supera
     56Il piacente Gesù?