Salmi (Diodati 1821)/capitolo 146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_145

../capitolo_147 IncludiIntestazione 29 giugno 2012 75% Da definire

capitolo 145 capitolo 147

[p. 523 modifica]

SALMO 146.

Fralezza dell’uomo; fedeltà di Dio.

1 ALLELUIA. Anima mia, loda il Signore.

2 Io loderò il Signore, mentre viverò; io salmeggerò al mio Dio, mentre durerò.

3 Non vi confidate in principi, in alcun figliuol d’uomo, che non ha modo di salvare1.

4 Il suo fiato uscirà, ed egli se ne ritornerà nella sua terra; in quel dì periranno i suoi disegni.

5 Beato colui che ha l’Iddio di Giacobbe in suo aiuto, la cui speranza è nel Signore Iddio suo;

6 Il quale ha fatto il cielo e la terra, il mare, e tutto ciò ch’è in essi; che osserva la fede in eterno;

7 Il qual fa ragione agli oppressati; e dà del cibo agli affamati. Il Signore scioglie i prigioni.

8 Il Signore apre gli occhi a’ ciechi2; il Signore rileva quelli che son chinati; il Signore ama i giusti.

9 Il Signore guarda i forestieri; egli solleva l’orfano e la vedova3; e sovverte la via degli empi. [p. 524 modifica]10 Il Signore regna in eterno4, e il tuo Dio, o Sion, per ogni età. Alleluia.