Salmi (Diodati 1821)/capitolo 60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_59

../capitolo_61 IncludiIntestazione 17 aprile 2012 75% Da definire

capitolo 59 capitolo 61

[p. 485 modifica]

SALMO 60.

Ringraziamento per varie vittorie.

Mictam di Davide, da insegnare; dato al Capo de’ Musici, sopra Susan-edut; intorno a ciò ch’egli diede il guasto alla Siria di Mesopotamia, e alla Siria di Soba; e che Ioab, ritornando, sconfisse gl’Idumei nella valle del Sale; in numero di dodici mila1.

1 O DIO, tu ci hai scacciati, tu ci hai dissipati, tu ti sei adirato; e poi, tu ti sei rivolto a noi.

2 Tu hai scrollata la terra, e l’hai schiantata; ristora le sue rotture2; perciocchè è smossa.

3 Tu hai fatte sentire al tuo popolo cose dure; tu ci hai dato a bere del vino di stordimento3.

Ma ora, tu hai dato a quelli che ti temono una bandiera, per alzarla, per amor della tua verità. (Sela.)

5 Acciocchè la tua diletta gente sia liberata, salvami colla tua destra, e rispondimi.

6 Iddio ha parlato per la sua santità: Io trionferò, io spartirò Sichem, e misurerò la valle di Succot.

7 Mio è Galaad, e mio è Manasse, ed Efraim è la forza del mio capo; Giuda è il mio legislatore4;

8 Moab è la caldaia del mio lavatoio; io getterò le mie scarpe sopra Edom; o Palestina, fammi delle acclamazioni5.

9 Chi mi condurrà nella città della fortezza? Chi mi menerà fino in Edom?

10 Non sarai desso tu, o Dio, che ci avevi scacciati? E non uscivi più fuori, o Dio, co’ nostri eserciti?

11 Dacci aiuto, per uscir di distretta; perciocchè il soccorso degli uomini è vanità6.

12 In Dio noi faremo prodezze; ed egli calpesterà i nostri nemici.