Sento, che l'età mia da primavera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Sento, che l’età mia da primavera Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 233 modifica]

XIV


Sento, che l’età mia da primavera
     Omai sen passa alla stagion estiva,
     Che di sci lustri all’ultimo anno arriva,
     Grave per cure, e per passar leggiera.
5Nel mezzo io son di mia vital carriera,
     Quando del pondo suo l’anima schiva,
     Ritornando alla stella, onde deriva,
     Non mi si faccia notte avanti sera.
E vivo ancora in amorosi affanni,
     10E invecchierò nel giovanile ardore,
     Portando il primo fuoco agli ultimi anni.
Chè so ben io, che chi ti segue, Amore,
     Tra fallaci promesse, e veri inganni,
     Fa d’una vita breve un lungo errore.