Sognata Dea, che da principi ignoti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Bussi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Sognata Dea, che da principi ignoti Intestazione 12 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giulio Bussi

[p. 77 modifica]

GIULIO BUSSI.


I1


Sognata Dea, che da princìpi ignoti
     Avesti pria tra ’l volgo ignobil cuna,
     Indi crescendo i creduli divoti
     T’ersero altari, e ti nomar Fortuna:
5Superba sì, che quanti il Ciel raguna
     Negli ampi giri astri vaganti, e immoti
     Chiami tue cifre, e senza legge alcuna
     Per dar legge a i Mortali usurpi i voti.
Su base istabil di rotante sfera
     10Di confondere il Tutto hai per costume,
     Sorda, cieca, ostinata, ingiusta, altera.

[p. 78 modifica]

Tu Dea non già: ma chi teme o presume,
     Mentre vile paventa, o indegno spera,
     Per incolparne il Ciel ti finse un nume.

Note

  1. La Fortuna.