Sotto quel monte, che il gran capo estolle

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cornelio Bentivoglio d'Aragona

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 29 giugno 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Cornelio Bentivoglio


[p. 61 modifica]

VIII


Sotto quel monte, che il gran capo estolle,
     E protegge coll’ombra il rivo e ’l fiore,
     Stav’io con Fille, e parlavam d’amore,
     Ambo sedendo in su l’erbetta molle,
5Scriver col dardo suo la ninfa volle
     Su la polve, la fè, ch’avea nel core,
     Ed anch’io impressi il mio fedele ardore
     Nel tronco di quel faggio appiè del colle.
Quando l’impressa arena agita e volve
     10Turbo importun d’aura rapace e fella,
     E la mia speme e la sua fè dissolve.
Ma la stessa giustissima procella
     Porta nel tronco la commossa polve,
     E con la sua la fede mia cancella.