Studj liguri/Il dialetto nei primi secoli/Testi/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
N. 4. — Proposizione fatta al Consiglio degli Anziani e all’Ufficio di Provigione del Comune di Genova, per ottenere fondi occorrenti a scopi diversi.

../3 ../5 IncludiIntestazione 24 dicembre 2014 75% Da definire

N. 4. — Proposizione fatta al Consiglio degli Anziani e all’Ufficio di Provigione del Comune di Genova, per ottenere fondi occorrenti a scopi diversi.
Il dialetto nei primi secoli - 3 Il dialetto nei primi secoli - 5
[p. 25 modifica]N. 4. — Proposizione fatta al Consiglio degli Anziani e all’Ufficio di Provigione del Comune di Genova, per ottenere fondi occorrenti a scopi diversi.

12 Aprile MCCCCIIII.

[Dall’originale, nell’Archivio di Stato genovese, Registro 6 dei ‘Diversorum Cancellariae’, f. 88b e 89a]*1


Como voy sauey, Segnoy, el e fermao accordio cum li Veneciaym, ratifficao et approao per este Comun. Per caxom de lo quar acordio se de far alcunne cosse ali Veneciaym, per le quae fa mester auey certe quantitae de dynay.

E auuo meuro examem in este cosse, per lo officio de la prouixiom, lo quar a pu per mam e pu mastegay questi seruixi, apar che de neccessitae se couegna pagar le quantitae che voy odirei, e per le caxoim che e dyro, per obseruaciom de lo dito accordio.

Primeramenti li dynay promisi l’ano passao d’acordio a meser Zacharia Triuixam, lo qua fo ambaxao per li Veneciaim in esta cytae. f° CCC.

Anchora lo dano de la naue preyza in Euiza, lo quar f° se auisa che sea. [p. 26 modifica][f. 89a] Anchora lo dano de la naue e de la gareaça preise per le nostre garee, e menae a Zenoa cum la arma(r); lo qua dano se auisa che sea f° d.

Anchora lo dano faito a Monsegnor lo Gouernaor per li Veneciaim per lor reeza e maruaxitae; lo quar Monsegnor no vor ni gi par coueneyuer, che li diti Veneciaim se debiam poey iactar ni vantar, che abiando lor faito dano e maruaxitae a Monsegnor e ello abia auuo in soe maym e in soa vertue de lo auey e de li beim de li Veneciaim, ello no se ne sea pagao e satisfaito. Ben che ello no abia may vossuo ni voia remerteghe2; si uor, como e debito e coueneyue, che lo dito dano a ello sea a lo mem im parte satisfaito. E bem che lo dito dano de lo dito Monsegnor se possa raxoneiuer menti extimar in pu de fyrim, nientemem lo dito Monsegnor, considerando teneramenti che questo tar dano de insyr de borssa a li citaim, no uor meter quello dano no ma im f. .

Anchora lo souradito officio de la prouixiom si bezogna per li soday, o sea per la gente chi som oltra zouo e a Noue, e per satisfar a altri lor debiti e per cosse a lo bostuto neccessarie — f .

Le quae quantitae, como voy vey, montam a soma de circha f. . Ma perzo che esti dynay couennem tuti manuatim, e perzo che sempre in prestey e im atri nostri moy de trouar monea, e rey debitoy e uoxe rancee, si par a Monsegnor e a lo Consegio e a lo officio de la prouixiom predito che se besogne trouar moo de auey per la caxoim souradite — f. .

E perzo piaxa a voy, Segnoy congregay coçi a conseio, conseiar e auisar unde e per che moo se debia recouerar e auey questa monea presta menti, per zo che fim che a questi pagamenti no sea dayto compimento, li nostri prexoim, chi som in Venexia, no pom auey liberaciom ni esser rellaxai, ni se porreyua obseruar le cosse promise.

L’atra caxom per la quar o sei requesti a conseio, si e che, como voy sauey, ell’e monte fiay scheyto e anchora po schaze, che per chosse tochatiue a la Segnoria e alo stao de nostro Segnor lo Rey, e a lo bem e a la saluaciom de questo Comum, se e couegnuo e forssa couerra spender secreta menti alcunne quantitae de dynay. Le quae per la secreteza fam bom fructo, zo che serea de grande dano parezarle, e per esto moo si se e obuiao per lo tempo passao a monti dani e inconuenienti de questa cytae, e cossi se e visto per ihayra proa. Per che par bem e3 cossa neccessaria, che tuta fia che Monsegnor lo Gouernao e lo Consegio cognosceram o veyram esser uter o neccessario per bem de la Segnoria o de lo stao de nostro Segnor lo Rey, o saluamento e bem de4 questa cytae, che se spenda secreta menti alcunna quantitae de dynay e che elli lo deliberem. In quelli caxi lo dito Monsegnor cum lo conseio o cum quella parte de lo dito consegio che a Monsegnor parra, o etiamde ello tanto possam e abiam bayria de far quella tar speysa secreta menti, de la monea de lo Comum, in le cosse predite; pur che per ello e per lo Consegio sea faita la deliberaciom, e de la quantitae.

Su le quae cosse lo dito Monsegnor ne vor sauey le intencioim e le voluntae de voi citaym, aora coçi requesti.

E perzo piaxaue su esta segonda posta assi consegiar e dirne li uostri parey.



  1. * In questo testo abbiamo una dello solite ‘proposizioni’ o ‘proposte’, che si presentavano ai Consigli, perchè discutessero e deliberassero intorno ad esse. I Cancellieri solevano trascriverle nei loro Registri in volgare, come realmente erano state lette, mentre della discussione contentavansi di dare un sunto in latino. Il giorno 12 aprile [1404], — si legge nell’indicato volume — , «conuocato et congregato consilio vocatorum in sala magna Palatii ut moris est, et lectis et vulgarizatis in praesentia vener. Consilii Antianorum et Officii Prouisionis ecc., tenor propositarum talis est». E segue il nostro testo.
  2. remerteghe potrebbe essere un errore per remeteghe rimetterci, ma non pare che questo si accordi del tutto bene col senso.
  3. Forse l’e va tolto.
  4. che.