Studj liguri/Il dialetto nei primi secoli/Testi/3

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
N. 3. — Lettera del Capitano e Luogotenente Del Verme all’ammiraglio di Turchia.

../2 ../4 IncludiIntestazione 24 dicembre 2014 75% Da definire

N. 3. — Lettera del Capitano e Luogotenente Del Verme all’ammiraglio di Turchia.
Il dialetto nei primi secoli - 2 Il dialetto nei primi secoli - 4
[p. 24 modifica]N. 3. — Lettera del Capitano e Luogotenente Del Verme all’ammiraglio di Turchia.

20 novembre MCCCLVIII

[Dall’originale, nell’Archivio di Stato genovese, cod. 5 San Giorgio, intitolato: ‘Regulae Comperarum Capituli’, f. 304 b. ]1


A l’aoto e magnifico et possente Segnor honoreyue frae nostro e de lo honorao Comun de Zenoa messer Orcham, grande armiraio de la Turchia, lo quar lo Segnor Dee lo mantegna in grande honor et possanza, sicomo voi dexirai. Noi si receuemo le vostre lettere, faite in Nichia, a di vinti doi de lo meise passao de Setembre, per le quae letere noi vimo et cognoscemo la vostra sanitae e lo bon stao; de la2 quar cossa noi auemo grande alegreza, sicomo de nostro frai e chi e stao payre de li nostri de Peyra, e speremo che cossi serei da chi auanti [p. 25 modifica]e si pregemo lo Segnor Dee, chi a faito lo ce e la terra, che ello ve guarde e ue defenda. E etiamde vimo lo bom amor e piaxer de la nostra paxe; de che noi ve referamo gratia e si semo apareiai a tuto lo vostro piaxer e honor, lo quar e nostro proprio. Ancor si inteisemo in quella vostra letera de lo seruixo de Filipo Demerode e Bonefatio da Sori, seruioi e amixi vostri; e pero, ancor che sea contra honor e bem de lo nostro Comun e dano grande zo che elli voren, noi si como quelli chi semo a tuti li vostri piaxer et seruixi apareiai, si mandemo comandando a li nostri de Peyra ch’i fazam la dicta francheza a quelli Filipo et Bonifatio, como voi comandai, si che la dicta francheza sera faita per lo vostro amor e per lo vostro honor. Noi ve pregemo che uoi ne mandei de le vostre letere e de lo vostro bom stao e si ve recomandemo li nostri de Peyra, chi sum vostri figi e seruioi e veraxi. Lo Segnor De si ue guarde aora e sempre. Per parte de noi Luchim de lo Vermo capitan e logo tenente in la citae de Zenoa per li grandi e magnifichi Segnoi de Miram, de Zenoa e de tuta la Lombardia, e lo Conseio de li doze Antiam de la dicta Citae de Zenoa. Data in Zenoa M° CCC° LVJ° die xxj Marcii.

  1. * Questa carta fu già pubblicata dal Lobero, Memorie storiche della Banca di S. Giorgio, p. 22, e poi, seguendo il Lobero, dal canon. Olivieri nell’introduzione al suo dizionario genovese. La poca accuratezza dei miei due predecessori mi consigliò questa ristampa.
  2. le.