Supplemento alla Storia d'Italia/XLIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLIV - Bonaparte informa il Direttorio delle mosse del Re di Napoli, e di ciò ch'egli pensa della corte di Roma, e di Torino

../XLIII ../XLV IncludiIntestazione 14 maggio 2009 75% letteratura

XLIV - Bonaparte informa il Direttorio delle mosse del Re di Napoli, e di ciò ch'egli pensa della corte di Roma, e di Torino
XLIII XLV


[p. 78 modifica]

(giorno stesso)


XLIV - Al Direttorio esecutivo.


Il Re di Napoli alla testa di 24,000 uomini (e potrebbero non essere che quindici mila) si è avanzato sulle terre del Papa minacciando di portarsi su Roma, e di là venirsi a unire a Wurmser, o scendere a Livorno, per cacciarci di concerto con gl’inglesi da quella piazza. L’allarme era in Roma, e il Gabinetto Pontificio nella più grande costernazione. Ho scritto al cittadino Cacault di rassicurare la Corte di Roma, e significare a quella di Napoli, che se il Re delle Due Sicilie s’avanzasse sulle terre di Roma, io riguarderei l’armistizio come nullo, e che farei marciare una divisione della mia armata per coprir Roma. Il cittadino Cacault mi assicura, senz’esserne certo, che il Re di Napoli ha desistito dalla sua impresa, e ch’è ritornato personalmente a Napoli. Questa Corte è perfida e impecille. Io credo che, se Pignatelli non è per anco giunto a Parigi, convien sequestrare i due mila uomini di cavalleria, che abbiamo in deposito, arrestar tutte le mercanzie che sono a Livorno, fare un manifesto ben calzante, per far sentire la mala fede della Corte di Napoli (e principalmente di Acton) poichè dal momento che sarà minacciata, diverrà umile e sottomessa. Gl’Inglesi han fatto credere al Re di Napoli ch’egli era qualche cosa. Ho scritto ad Azzara a Roma, e gli ho detto, che se la Corte di Napoli, ad onta dell’armistizio, cerca ancora a mettersi sui ranghi, prendo l’impegno in faccia all’Europa di marciare contro i pretesi settantamila uomini con seimila granatieri, quattromila uomini di cavalleria, e cinquanta pezzi di cannone. La buona stagione s’avanza; di qui a 6 settimane spero che la più gran parte de’ nostri malati sarà guarita: e quando i soccorsi, che mi annunziate, saranno giunti, potrò ad un tempo far l’assedio di Mantova, e contener Napoli e gli Austriaci.

La Corte di Roma, in tempo de’ nostri disastri, non si e condotta meglio delle altre: essa aveva mandato un legato a Ferrara, che ho fatto arrestare, e che ritengo a [p. 79 modifica]Brescia per ostaggio: e il Cardinale Mattei. Il vice-legato, chiamato Della Greca, era scappato, e giunto a due ore di cammino da Roma: l’ho chiamato a Milano, ed e venuto. Siccome è meno colpevole, lo rimanderò dopo averlo ritenuto per qualche giorno. Si fanno correre varie voci sul Re di Sardegna: ma credo senza fondamento. Egli ha venduto il suo equipaggio d’artiglieria, licenziati i suoi reggimenti provinciali, e se cerca reclute, ciò avviene perché ama d’aver delle truppe forestiere in vece dei reggimenti nazionali, di cui è poco sicuro. Sarebbe bene, che i giornalisti finissero di pubblicare sul conto suo le assurdità che leggiamo ogni giorno. Vi sono dei colpi di penna scritti sul sentito dire, e senza cattiva intenzione che ci fanno più male, e più nemici di una contribuzione, da cui tireremmo qualche profitto. Credo che sarebbe forse utile che un Giornale Ufficiale smentisse queste voci assurde, e ridicole.