Tre libri dell'educatione christiana dei figliuoli/Libro II/Capitolo 103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro II - Capitolo 103

../Capitolo 102 ../Capitolo 104 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% cristianesimo

Libro II - Capitolo 102 Libro II - Capitolo 104


DI ALCUNI LATROCINII POCO CONSIDERATI.

Ho detto poco innanzi, che il furto, et la rapacità, sono vitii cosi brutti et vili che a pena è credibile che possano cadere in un gentil huomo, et in qual si voglia, che pur sia nato ingenuamente; et senza dubbio un nobile, et etiandio un mediocre cittadino, si riputarebbe à grandissima ingiuria esser stimato, et chiamato ladro. Ma è gran maraviglia che quelli istessi, che per la nobiltà loro abhorriscono tanto questo nome, non si accorgono, ò fingono, ò non curano di commettere gravi latrocinii; come se non vi fosse altra maniera di ladri, che certi miseri ladroncelli, che di notte tempo occultamente, et con gran timore, furano bene e spesso cose di piccolo valore, ò per i boschi, et luoghi solitari, con mille incommodi, et pericoli di se medesimi, tendono insidie a i viandanti; egli non ha dubbio, che si fatti ladri sono come rei huomini, et generatione infame, giustamente castigati, et vituperati. Ma troppo grave inganno è condennar i piccoli furti, et non fare stima de i maggiori, et più pernitiosi. Il ritener la debita mercede a gli operarii, che con il sudor loro nutriscono gli agi de i ricchi, non è riputato da molti per furto, l’occupar i beni de i poveri pupilli, et delle vedove, il vessarle, et opprimerle con ingiuste liti, il divorar i poveri con le usure, il chiuder i granari nelle caristie, et con varii artificii alzar immoderatamente i prezzi delle cose necessarie al vitio, son furti, et rapine, delle quali alcuni nobili poco si vergognano. Che diremo della administratione dell’entrate publiche, quante frodi, et rubamenti vi si commettono? et sino a gli Hospitali, et altri luoghi pii, et miserabili non sono sicuri dall’avaritia, et dalla rapacità de’ ministri. Lascio il dire di coloro, che non pagano le decime, et altri diritti alle Chiese, et a i Prelati Ecclesiastici, secondo sono obligati; et parimente di quelli che con sottili inganni non pagano i debiti datii, et tributi a i Principi, et magistrati secolari. In somma chi ben considera, vedrà che nelle Città, ne i palagi, et ne i tribunali de’ giudici, per le botteghe de i mercanti, e in mezzo alla maggior frequenza de gli huomini civili, et ben nati, si commettono bene spesso maggiori latrocinii, che nelle selve tra le fiere.