Uom, che barbaro quasi, in su la sponda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Alfieri

1795 U Poesie letteratura Uom, che barbaro quasi, in su la sponda Intestazione 29 aprile 2008 50% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

Uom, che barbaro quasi, in su la sponda
Del non Etrusco Tanaro nascea,
Dove d'Itale voci è impura l'onda,
Si ch'ella macchia ogni più tersa idea;

5Più lustri or son, ch'ei la natal sua immonda
Favella in piena oblivion ponea;
E al vago dir che l'alma Flora inonda,
E labro e penna ed animo volgea.

Se niun di voi, cigni dell'Arno, or vede
10Spurio vestigio nel costui sermone,
Cittadinanza di parole ci chiede.

Sacro tributo a Grecia tutta impone
L'unica Atene, di ogni grazia sede,
Cui la Beozia stolta invan si oppone