Uom, che barbaro quasi, in su la sponda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Alfieri

1795 Poesie letteratura Uom, che barbaro quasi, in su la sponda Intestazione 29 aprile 2008 50% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

Uom, che barbaro quasi, in su la sponda
Del non Etrusco Tanaro nascea,
Dove d'Itale voci è impura l'onda,
Si ch'ella macchia ogni più tersa idea;

5Più lustri or son, ch'ei la natal sua immonda
Favella in piena oblivion ponea;
E al vago dir che l'alma Flora inonda,
E labro e penna ed animo volgea.

Se niun di voi, cigni dell'Arno, or vede
10Spurio vestigio nel costui sermone,
Cittadinanza di parole ci chiede.

Sacro tributo a Grecia tutta impone
L'unica Atene, di ogni grazia sede,
Cui la Beozia stolta invan si oppone