Viaggio intorno alla mia camera/Capitolo V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo V

../Capitolo IV ../Capitolo VI IncludiIntestazione 18 febbraio 2021 100% Da definire

Capitolo IV Capitolo VI

[p. 26 modifica]

CAPITOLO V.



Dopo la mia seggiola a bracciuoli andando verso il settentrione si scopre il mio letto, che è posto in fondo alla mia camera, e forma la più gradevole prospettiva. — I primi raggi del sole che spunta, vengono a scherzare fra le mie cortine. Io li veggo, ne’ bei giorni di estate, avanzarsi lungo il muro bianco di latte, a misura che il gran pianeta s’inalza. Gli olmi, che sono dinanzi alla mia finestra, li dividono di mille maniere, e gli agitano sul mio letto rosso e bianco, da cui riflettendosi spargono intorno una tinta la più graziosa. — Odo il garrir confuso delle rondinelle, che hanno appeso il lor nido al tetto della casa, e degli altri [p. 27 modifica]augelli, che abitano gli olmi, onde mille ridenti idee occupano il mio spirito, nè credo che altri al mondo goda più tranquillo, o più delizioso mattino.

Confesso ch’io prolungo sempre, quanto mi è possibile, il piacere di meditare a mio agio nel dolce tepore del mio letto. — Avvi altro luogo che svegli più graziose immagini, più tenere idee? — Lettor modesto non ti adombrare. — Non potrò parlar dunque della felicità di uno sposo che stringe, per la prima volta, fra le sue braccia una donna virtuosa ed adorata; — piacere ineffabile che il mio iniquo destino mi condanna a non gustare giammai! — Ah! in un letto una madre, ebbra di gioja per la nascita di un figlio, non dimentica forse tutti i suoi dolori? — Ivi i piaceri fantastici, frutti dell’immagina[p. 28 modifica]zione e della speranza, vengono a lusingarci. — Ivi noi scordiamo per una metà della vita le cure dell’altra. — Ma qual folla di pensieri aggradevoli e tristi si mescola, si accumula nel mio cervello! Un letto ci vede nascere e ci vede morire, è il teatro variabile, in cui il genere umano rappresenta a vicenda drammi commoventi, farse risibili, e tragedie spaventevoli — è una culla guernita di fiori; — è il trono dell’amore; — è un sepolcro.