Viaggio intorno alla mia camera/Capitolo XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XV

../Capitolo XIV ../Capitolo XVI IncludiIntestazione 22 febbraio 2021 100% Da definire

Capitolo XIV Capitolo XVI

[p. 57 modifica]

CAPITOLO XV.



Tè, Gioanneti, gli dissi, riappendi questo quadro: — ei m’aveva ajutato a ripulirlo, non sospettando ciò che produsse il capitolo del ritratto, niente più di quello che possa avvenir nella luna. Fu egli che di suo proprio moto mi presentò la spugna inumidita, e con quest’atto, in apparenza indifferente, fece percorrere alla mia anima cento milioni di leghe in un istante. In vece di rimettere il quadro a suo posto, ei seguitava a tenerlo, per farne a vicenda l’esame. — Un dubbio, un problema da risolvere gli dava un’aria dì curiosità, ch’io subito notava. — Vediamo, gli dissi: che trovi tu a ridere in questo ritratto? — Oh nulla, [p. 58 modifica]signore. — Ma pure? — Ei lo posò all’inferiore estremità sulla scanzietta del mio scrittojo, indi allontanandosi d’alcuni passi: vorrei, disse, che vossignoria mi spiegasse perchè quella figura guardi sempre le persone in qualunque parte della camera si trovino. Alla mattina, quand’io fo il letto, ella si volge verso di me; e s’io vò alla finestra o verso l’uscio ancor mi segue cogli occhi; — di modo che, Gioannetti, io lo interruppi, se la mia camera fosse piena di gente, quella bella signora darebbe ad un tempo occhiate a tutti. — Oh! signor sì. — Sorriderebbe a chi va e a chi viene, come a me. — Gioannetti non rispose nulla. — Io mi stesi nella mia seggiola a bracciuoli, abbassando la testa, ed entrai nelle più serie meditazioni. — Qual colpo di luce? Povero amante! [p. 59 modifica]mentre tu ti consumi lungi dalla tua bella, presso cui altri forse ha già preso il tuo posto; mentre tu fissi avidamente le pupille nel suo ritratto, e t’imagini d’essere (almeno in pittura) il solo riguardato, — quel perfido, egualmente infido che l’originale, porta gli sguardi su quanti gli stanno intorno, e a tutti sorride.

Ecco una rassomiglianza morale fra certe effigie e i loro modelli che nessun filosofo, nessun dipintore, nessun osservatore aveva ancor notata.

Io mi vò inoltrando ognor più di scoperte in scoperte.