Voglio del ver la mia donna laudare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizzelli

XIII secolo V Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Sonetti Duecento Voglio del ver la mia donna laudare Intestazione 8 dicembre 2011 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 72 modifica]

VOGLIO del ver la mia donna laudare,
E rassembrargli la rosa e lo giglio:
     Come la Stella diana splende e pare,
     E ciò, ch’è lassù bello, a lei somiglio.
Verde rivera a lei rassembro e l’a’re,
     Tutti colori e fior, giallo e vermiglio,
     Oro ed argento e ricche gio’ preclare;
     Medesmo Amor per lei raffina miglio.
Passa per via sì adorna e sì gentile,
     Ch’abassa orgoglio a cui dona salute:
     E fal di nostra fè se non la crede.
E non le può appressar uom che sia vile:
     Ancor ve ne dirò maggior virtute:
     Null’uom può mal pensar fin che la vede.