È bello, è divino per l'uomo onorato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Tirteo VII secolo a.C. E 1847 Severiano Fogacci Indice:Quattro canti militari dell'antica Grecia.djvu Poesie letteratura Intestazione 10 marzo 2013 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Quattro canti militari dell'antica Grecia


[p. 9 modifica]
I


È bello, è divino per l’uomo onorato
          Morir per la patria, morir da soldato
          Col ferro nel pugno, coll’ira nel cor.
                    Tal morte pel forte non è già sventura:
          Sventura è la vita dovuta a paura,
          6Dovuta all’eterno de’ figli rossor.

Chi son quei meschini che vanno solinghi,
          Sparuti per fame, cenciosi, raminghi,
                    Che in volto han dipinto l’obbrobrio, il dolor?
          Se il chiedi a’ vicini così ti diranno:
          «Quei vili raminghi più patria non hanno;
          12Fuggiron dal campo; l’infamia è con lor.»

Mirate quei padri, quei vecchi cadenti,
          Le squallide spose coi figli morenti;
          Mirate miseria ch’è senza pietà!
                    Non alzan quei volti dannati allo scherno:
          Il ciel della patria non miri in eterno
          18Chi un cor per amarla nel petto non ha.

[p. 10 modifica]


Ah! dunque di fuga pensier non v’alletti;
          Non sieda paura nei liberi petti;
          Ma v’arda cocente di guerra il desir.
                     Pugnam per la patria, pugnamo pe’ figli:
          L’amor della vita viltà non consigli:
          24Se vincere è bello, pur bello è morir.

Che infamia se i vecchi lasciando sul campo,
          I vecchi che speme non hanno di scampo,
          La vita codarda correste a salvar!
                    Ma spose, ma figli quei vecchi non hanno?
          (Gli stessi nemici fremendo diranno)
          30Perchè quei meschini non vanno a salvar?..

Bruttate di sangue la barba, le chiome
          Riversano al suolo quei vecchi, siccome
          Figliuoli del fango dannati a morir.
                    Orrendo a vedersi! Di sangue grondante
          Ciascuno morendo con labbro tremante
          36S’ascolta all’ignavia de’ suoi maledir.

Non piombi sul capo cotanta vergogna!
          Non s’oda dai padri sì dura rampogna!
          Si mora piuttosto, ma salvo l’onor.
                    La lode de’ forti si chiuda nell’urna;
          Le greche donzelle nell’ora notturna
          42La spargan pietose di pianto e di fior.