A voi, che ve ne andaste per paura

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti A voi, che ve ne andaste per paura Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Fastel messer, fastidio de la cazza
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 1 modifica]

I

Schernisce l’arroganza dei guelfi fiorentini riammessi in patria
dopo la battaglia di Benevento.

A voi, che ve ne andaste per paura:
sicuramente potete tornare;
da ch’e’ ci è dirizzata la ventura,
ormai potete guerra inconinzare.
E piú non vi bisogna stare a dura,
da che non è chi vi scomunicare;
ma ben lo vi tenete ’n isciagura,
ché non avete piú casgion, che dare.
Ma so bene, se Carlo fosse morto,
che voi ci trovereste ancor casgione;
però del papa non ho gran conforto.
Ma i’ non voglio con voi stare a tenzone,
ca lungo temp’è, ch’io ne fui accorto
che ’l ghibellino aveste per garzone.