Amor, così leggiadra giovinetta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sennuccio del Bene

XIV secolo A Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Amor, così leggiadra giovinetta Intestazione 7 ottobre 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Sennuccio del Bene


[p. 205 modifica]

     Amor, così leggiadra giovinetta
Già mai non mise foco in cor d’amante.
Con così bel sembiante,
4Come l’ha messo in me la tua saetta.
     Vidila andar baldanzosa e secura
Cantando in danza bei versi d’amore,
E sospirar sovente;
8Tal volta scolorar la sua figura,
Mostrando nella vista come il core
Era d’Amor servente.
11Volgeva gli occhi suoi soavemente,
Per saper se pietà di lei vedesse
In alcun che intendesse
14Nel cantar suo come l’avea distretta.


(Dalla citata raccolta di Rime antiche del Corbinelli, ecc.)