Anime allo specchio/Il ramo di lillà

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il ramo di lillà

Anime allo specchio ../La falena e il lume IncludiIntestazione 3 luglio 2018 25% Da definire

Anime allo specchio La falena e il lume

[p. 1 modifica]

IL RAMO DI LILLÀ.

— Perchè dipingete? Siete voi medesima una creatura d’arte; non avete gesto, espressione, atteggiamento che non sia una pura armonia. Quando vi guardate allo specchio dovete certo scambiarvi con uno dei vostri quadri più belli.

Guido Bonaccorsi declamò con parco gesto e con voce suadente le sue frasi semi liriche, affondato in una Savonarola d’ebano intarsiata di madreperla che occupava il vano della grande finestra, e Vally Ranieri, la quale gli volgeva le spalle dipingendo dal vero un enorme fascio di lillà bianchi, scosse la testa biondissima con un riso ed una parola di benevola canzonatura.

— Poeta!

— Non sapete che in ogni innamorato si nasconde un poeta elegiaco? Un poeta inespresso molte volte e qualche volta male [p. 2 modifica]espresso, il che è anche peggio, — mormorò Bonaccorsi accogliendo tutta nel suo sguardo incantato la figuretta bionda avvolta in un chimono verde ad ibis argentee strettamente attorcigliato dalle caviglie ai fianchi ed ampiamente aperto sul dorso e su le spalle, la quale moveva senza posa il suo capo di uccelletto bizzarro da destra a sinistra, dai fiori veri ai fiori dipinti, senza occuparsi di lui e senza, forse, ascoltarlo.

— Non mi credete? — egli domandò dopo una pausa avvicinandosi alla giovine donna ed osservando al disopra della sua spalla l’abbozzo incompiuto.

— Che cosa? — ella chiese a sua volta fra distratta ed infastidita senza guardarlo.

Egli l’afferrò alle spalle quasi brutalmente, ne sentì sotto la seta leggera la forma squisita e il tepore morbido e irruppe con un impeto d’ira appassionata:

— Ch’io vi amo, che vi amo, che sono disposto a tutto pur di ottenervi, anche a sposarvi, capite?

Ella si divincolò sdegnosamente, in silenzio, schizzò su la tavolozza un lungo serpentello di colore azzurro, poi gli si volse sogghignando.

— Quale onore! — esclamò con beffarda lentezza. — Potrei diventare la marchesa Bonaccorsi, lasciare l’arte e le sue vanità e invece rifiuto. Non mi piacete sufficientemente [p. 3 modifica]perchè io sia disposta a rinunziare per voi alla mia vita di donna abbastanza libera e d’artista abbastanza intelligente. Capite!

— Capisco, — mormorò il giovine a denti stretti, mentre ella continuava a sorridere, godendo femminilmente della sua crudeltà, con quell’istinto ferino del far soffrire che è proprio delle donne troppo adulate.

— Debbo ritenere queste parole come un congedo definitivo? — domandò Bonaccorsi col viso tuttora torbido e la voce ancora alterata.

— Come volete, — rispose fredda Vally e continuò a dipingere.

Egli le s’inchinò profondamente e si diresse alla porta, ma come fu sulla soglia esitò un momento, tornò indietro e mormorò quasi timido:

— Permettetemi di portare con me un piccolo ramo di lillà come ricordo di voi e di quest’ora così decisiva della mia vita. Lo terrò sul cuore, sempre.

— Prendete, uomo romantico, — ella disse con un riso secco e breve ed intanto gli porse un sottile ramo, fiorito del suo lieve grappolo bianco e odoroso tra due foglie verdissime a forma di cuore.

Ed egli scomparve recando fra le dita della sinistra, rivolto a terra come un sogno umiliato, il ramo di lillà.

Il giovine era uscito da pochi minuti [p. 4 modifica]quando il campanello dello studio squillò replicatamente e due amiche della pittrice, Gemma Lanciati, la giovine sposa, e Maria Novaledo, la signorina ventenne, entrarono e l’abbracciarono chiacchierando con gaiezza tumultuosa.

— Abbiamo incontrato in fondo alle scale Guido Bonaccorsi che non ci ha nemmeno salutate. Saltò in automobile, si mise al volante e via in corsa sfrenata. Pareva seccato, irritato, disposto a schiacciare volontieri qualcuno sotto le ruote della sua macchina. Che gli hai fatto, Vally? Tu devi avergli procurato qualche grave dispiacere. Confessalo.

— Confesso che ho rifiutato poco fa di diventare sua moglie, — dichiarò Vally con serenità, porgendo a Maria Novaledo una tazza di thè fumante. Ma questa balzò in piedi stupefatta, le posò le mani sulle spalle, esclamò commossa:

— Ti amava dunque a questo punto, Vally, e tu l’hai rifiutato? Perchè hai fatto questo, Vally? Perchè?

— Calmati; un’altra volta lo manderò da te a consolarsi, — sorrise la pittrice mettendole a forza la tazza fra le mani.

Sedettero tutte e tre in circolo nel vano della finestra, sotto la chiarità che pioveva dall’ampia vetrata già un poco azzurrastra della prima ombra crepuscolare, e per molti giorni si ritrovarono a quell’ora medesima, [p. 5 modifica]sole o con altra varia e diversa compagnia assorte in discorsi d’arte od in cicalecci maldicenti, senza che il nome del giovine respinto fosse più fra di esse pronunciato.

Senonchè dopo un paio di settimane Maria Novaledo capitò ad un’ora insolita nello studio di Vally e con la faccia stravolta e la voce tremante le spiegò sott’occhio un giornale e lesse una laconica corrispondenza da San Remo nella quale si narrava come due giorni innanzi un giovine elegante, il marchese Guido Bonaccorsi, per cause rimaste ignote, si fosse sparato alla testa un colpo di rivoltella che lo aveva ucciso all’istante.

Il fatto era avvenuto in una camera d’albergo e sul corpo del suicida si erano trovate alcune carte personali ed una lettera chiusa indirizzata ad un amico.

— Sei tu che l’hai ucciso, — mormorò Maria con la voce soffocata quand’ebbero letto ansiosamente la tragica notizia; e Vally, abbandonata in una poltrona con le braccia sullo schienale e la testa abbattuta su le braccia, gemeva:

— Dio mio, Dio mio, egli s’è ucciso per me.

E poco dopo anche Gemma Lanciati venne ad unirsi al coro delle lamentatrici e mai nessun uomo parve loro più intelligente, più elegante, più gentile di quel suicida d’amore.

— Egli portava certo sul cuore un ramo di lillà, — sospirava Vally Ranieri; — cerca [p. 6 modifica]nei giornali, Maria, se non è fatto cenno ad un ramo di lillà.

Maria rilesse con cura la breve narrazione in tutti i giornali, ma non trovò quanto l’amica cercava. E verso sera l’accompagnarono a casa abbattuta e dolente, molto compiangendola pel suo cocente rimorso, ma molto più invidiandola per quella improvvisa tragedia passionale la quale sconvolgeva come un vento di tempesta la sua giovine vita.

Vally non chiuse occhio tutta la notte e nell’insonnia agitata il volto di Guido Bonaccorsi, prima sorridente, poi intenerito e triste come le era apparso l’ultima volta, le si mutava nella fantasia febbrile in una faccia convulsa, stravolta da uno spasimo d’agonia, boccheggiante nel sangue e nell’orrore. E brividi di spavento la percorrevano tutta, mentre gli occhi fissi nel buio si dilatavano nel terrore delle allucinazioni oppure si chiudevano per un breve sonno pieno d’incubi affannosi.

Di primo mattino ella corse allo studio e tentò di lavorare ad una miniatura di bimbo paffuto, incominciata giorni innanzi, ma non vi riuscì. La mano malferma e gli occhi stanchi per la nottata inquieta non le consentivano quell’opera serena e paziente. Sedette su la Savonarola d’ebano posta nel vano della finestra e subito ricordò l’atteggiamento col quale vi si appoggiava Guido Bonaccorsi [p. 7 modifica]durante l’ultima sua visita, ricordò una per una le sue parole: — Perchè dipingete? Siete voi medesima una creatura d’arte.... — E le parve che quel suo volto non bello, quello sguardo che la lasciava sempre indifferente e talvolta la infastidiva, quella voce che suscitava spesso le sue beffarde ironie, assumessero ora una bellezza e una nobiltà inattese, significassero una elevatezza di spirito, una dignità di sentimento dapprima insospettate o forse inconsciamente derise.

Si dolse, si detestò per le parole crudeli con le quali ella aveva ferocemente sferzato la sua dolente passione, si accusò, si pentì per non avere scorto quel giorno ancora vicino in quegli occhi disperati d’amore il baleno fosco del proposito tragico. Certo in quell’ora stessa, dinanzi a lei che sogghignava dipingendo il suo fascio di lillà, egli che era giovine, sano, ricco, ma non amato, aveva deliberato di sopprimersi, aveva sentito che la vita senza l’amore di Vally gli diveniva un intollerabile peso e s’era offerto volontariamente alla morte.

Per giorni e giorni ella s’esaltò in queste meditazioni tra funebri ed amorose, rabbrividì di terrore, pianse di rammarico e s’accorse infine d’essersi a poco a poco accesa d’una singolare passione postuma per quell’uomo in vita sdegnato.

Ella aveva ritrovato fra le pagine d’una [p. 8 modifica]raccolta di fotografie una piccola istantanea d’obliata provenienza, la quale raffigurava Guido Bonaccorsi al volante della sua macchina da corsa e dove egli appariva di fronte, un po’ curvo, con gli occhi fissi dinanzi a sè come per scrutare la via prima di lanciarvisi temerariamente. Quell’immagine la sedusse tanto che ella pensò d’ispirarsi ad essa per eseguire un ritratto del suicida, nobilitato dall’arte che egli aveva lodato, ravvivato da tutto il suo rimpianto vano, e da tutto il suo amore tardivo. E sopra un telaio tondo il quale costringeva armoniosamente la forma del volante in iscorcio stretto dalle mani nervose e la testa sovrastante protesa in avanti e fissa ad un punto lontano, ella abbozzò rapidamente l’opera sognata e le sembrò che non sarebbe riuscita cosa indegna.

A poco a poco emerse dall’ombra il volto pallido e corto dagli zigomi forti, il mento affilato, il naso largo, la bocca sottile, tutta la maschera irregolare e scarna investita dalla luce, incavata dal vento della corsa, tormentata dall’ansia della meta. Pensava creandola che egli le avrebbe certo perdonato l’offesa schernitrice del rifiuto dinanzi al fervore col quale ella risuscitava nel ricordo i particolari della sua scomparsa figura e li traduceva nell’opera d’arte, ve li fissava con un segno durevole pieno di trepida poesia e d’oscura tragicità. Poichè quella corsa alla [p. 9 modifica]quale egli si slanciava audacemente col volto torturato dall’ansia della meta, assumeva nel ritratto del suicida il significato di un simbolo tragico ed egli sembrava balzare verso la morte, fissandola duramente coi suoi occhi freddi ed acuti.

Le sue amiche Gemma e Maria piansero di commozione dinanzi al quadro quasi compiuto, ma dovettero promettere con giuramento di non parlarne a nessuno, cosicchè Vally Ranieri non nascose il suo stupore quando un amico intimo di Guido Bonaccorsi che ella non conosceva, l’avvocato Gennari, salì un mattino al suo studio e le portò un ritrattino del morto, pregandola d’eseguire per lui una miniatura.

— So che ella conobbe il povero Guido e ciò faciliterà il suo compito, — le disse dopo le prime frasi di presentazione e mentre Vally contemplava con intensa emozione la piccola fotografia, l’avvocato Gennari gettò intorno qualche sguardo di osservazione e subito corse verso il ritratto del suo amico, ancora appoggiato in piena luce sul cavalletto, con una esclamazione di commossa meraviglia.

— Ma questo è Bonaccorsi! Dio mio, come gli rassomiglia, com’è vivo, povero amico! Ma chi le ha affidato questo incarico? Posso saperlo?

Vally Ranieri gli si avvicinò pallida dominando il suo tremore e brevemente rispose: [p. 10 modifica]

— È un atto d’espiazione.

Gennari sollevò le spalle e le sopracciglia come chi non comprende, ma non si permette altra indagine e soggiunse:

— Però è una bellissima cosa e vorrei possederla io insieme ai pochi e cari ricordi che Guido mi ha lasciato e che conservo gelosamente.

Vally ascoltava a capo chino col cuore che le batteva nel petto fino a farle male e quando Gennari tacque, continuando ad ammirare il ritratto, ella tentò trepidamente un’ansiosa domanda:

— Fu ella l’amico a cui Bonaccorsi indirizzò la sua ultima lettera?

— Fui io, — rispose Gennari, sorpreso che ella si dimostrasse così bene informata.

— Ella vide il suicida? — domandò ancora Vally.

— Lo composi io stesso nella bara.

— Allora, — soggiunse la giovine donna con voce esitante e quasi supplichevole, — mi dica, la prego, se indosso al morto o tra le carte del suo portafogli non fu trovato un piccolo ramo di lillà.

Ma l’avvocato Gennari riflettè un momento e scosse il capo:

— No, signorina. Il povero Bonaccorsi aveva passato con me una settimana a Montecarlo giocando sfrenatamente e il suicidio non fu che una conseguenza di quella sua [p. 11 modifica]disastrosa passione. Io stesso lo misi in treno perchè se ne tornasse a casa, ma giunto a San Remo lo colse una specie di fredda disperazione la quale lo indusse al tragico gesto. Molto confidenzialmente e in omaggio all’arte con la quale ella lo ha ritratto, posso anche farle leggere la sua ultima lettera a me diretta. Eccola.

Egli trasse dal portafogli una busta intestata ad un albergo, ne tolse una lettera, la porse spiegata a Vally Ranieri. Ella vi lesse con gli occhi annebbiati, con la bocca amara, queste parole:

«Mio caro, me ne vado dal mondo dove sarei ormai ridotto a fare il direttore d’orchestra dei miei debiti. Cerca di salvare dalle unghie dei creditori quelle poche cose d’arte che possiedo e di distruggere quei numerosi fasci d’amorosi documenti umani che occuparono talvolta piacevolmente la mia inutile vita. Ti abbraccio con serenità. Il tuo Guido.»

Vally rese la lettera contraendo tutto il volto ad un sogghigno di scherno e si morse le labbra a sangue. Ella sbatteva le palpebre come se la luce subitanea di quella verità brutalmente apparsa dinanzi ai suoi occhi le riuscisse intollerabile.

— Grazie, — mormorò con voce arrochita torcendosi le mani e guardando smarrita intorno a sè quasi per cercare il modo di liberarsi [p. 12 modifica]da quella oppressione che sembrava schiacciarla come un peso materiale. E osservò il ritratto sentendo di detestarlo, intuendo che esso le sarebbe apparso da quel momento come un’orribile beffa.

— Grazie, — ripetè con un sorriso di falsa amabilità. — Ella mi ha dato una grande prova di fiducia e di stima e poichè ella crede che fra i ricordi del suo amico potrebbe stare degnamente anche questo ritratto, io la prego di accettarlo in luogo della miniatura che sento di non poter eseguire.

E mentre Gennari le stringeva le mani con effusione riconoscente, ella aggiunse calma, ma risoluta:

— Però a questa condizione: ch’ella si prenda immediatamente la tela e se la porti via subito, senza più lasciarmela qui nemmeno per un’ora.

— Teme di pentirsi del suo atto magnanimo, — commentò sorridendo l’amico del morto.

E Vally Ranieri strinse i denti e rispose:

— Ecco.