Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo

../Amor fra l'erbe una leggiadra rete ../Se 'l dolce sguardo di costei m'ancide IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Amor fra l'erbe una leggiadra rete Se 'l dolce sguardo di costei m'ancide

 
Amor, che ’ncende il cor d’ardente zelo,
di gelata paura il tèn constretto,
et qual sia piú, fa dubbio a l’intellecto,
la speranza o ’l temor, la fiamma o ’l gielo.

5Trem’al piú caldo, ard’al piú freddo cielo,
sempre pien di desire et di sospetto,
pur come donna in un vestire schietto
celi un huom vivo, o sotto un picciol velo.

Di queste pene è mia propia la prima,
10arder dí et notte; et quanto è ’l dolce male
né ’n penser cape, nonche ’n versi o ’n rima;

l’altra non già: ché ’l mio bel foco è tale
ch’ogni uom pareggia; et del suo lume in cima
chi volar pensa, indarno spiega l’ale.