Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Amor fra l'erbe una leggiadra rete

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Amor fra l'erbe una leggiadra rete

../Po, ben puo' tu portartene la scorza ../Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Po, ben puo' tu portartene la scorza Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo

 
Amor fra l’erbe una leggiadra rete
d’oro et di perle tese sott’un ramo
dell’arbor sempre verde ch’i’ tant’amo,
benché n’abbia ombre piú triste che liete.

5L’ésca fu ’l seme ch’egli sparge et miete,
dolce et acerbo, ch’i’ pavento et bramo;
le note non fur mai, dal dí ch’Adamo
aperse gli occhi, sí soavi et quete.

E ’l chiaro lume che sparir fa ’l sole
10folgorava d’intorno: e ’l fune avolto
era la man ch’avorio et neve avanza.

Cosí caddi a la rete, et qui m’àn colto
gli atti vaghi et l’angeliche parole,
e ’l piacer e ’l desire et la speranza.