Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Cosí potess'io ben chiuder in versi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cosí potess'io ben chiuder in versi

../Quando giugne per gli occhi al cor profondo ../Io son de l'aspectar omai sí vinto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quando giugne per gli occhi al cor profondo Io son de l'aspectar omai sí vinto

 
Così potess’io ben chiudere in versi
i miei pensier, come nel cor gli chiudo;
ch’animo al mondo non fu mai sì crudo,
ch’i’ non facessi per pietà dolersi.

5Ma voi, occhi beati, ond’io soffersi
quel colpo, ove non valse elmo né scudo,
di fòr et dentro mi vedete ignudo,
ben che ’n lamenti il duol non si riversi.

Poi che vostro vedere in me risplende,
10come raggio di sol traluce in vetro,
basti dunque il desìo, senza ch’io dica.

Lasso, non a Maria, non nocque a Pietro
la fede, ch’a me sol tanto è nemica;
et so ch’altri che voi nessun m’intende.