Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/La gola e 'l somno et l'otïose piume

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
VII

../Sí travïato è 'l folle mi' desio ../A pie' de' colli ove la bella vesta IncludiIntestazione 17 luglio 2008 100% poesie

Sí travïato è 'l folle mi' desio A pie' de' colli ove la bella vesta

 
La gola e ’l somno et l’otïose piume
ànno del mondo ogni vertú sbandita,
ond’è dal corso suo quasi smarrita
nostra natura vinta dal costume;

et è sí spento ogni benigno lume5
del ciel, per cui s’informa humana vita,
che per cosa mirabile s’addita
chi vòl far d’Elicona nascer fiume.

Qual vaghezza di lauro, qual di mirto?
Povera et nuda vai philosophia,10
dice la turba al vil guadagno intesa.

Pochi compagni avrai per l’altra via:
tanto ti prego piú, gentile spirto,
non lassar la magnanima tua impresa.