Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Per mezz'i boschi inhospiti et selvaggi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Per mezz'i boschi inhospiti et selvaggi

../Quando mi vène inanzi il tempo e 'l loco ../Mille piagge in un giorno et mille rivi IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quando mi vène inanzi il tempo e 'l loco Mille piagge in un giorno et mille rivi

 
Per mezz’i boschi inhospiti et selvaggi,
onde vanno a gran rischio uomini et arme,
vo securo io, ché non pò spaventarme
altri che ’l sol ch’à d’amor vivo i raggi;

5et vo cantando (o penser’ miei non saggi!)
lei che ’l ciel non poria lontana farme,
ch’i’ l’ò negli occhi, et veder seco parme
donne et donzelle, et son abeti et faggi.

Parme d’udirla, udendo i rami et l’òre
10et le frondi, et gli augei lagnarsi, et l’acque
mormorando fuggir per l’erba verde.

Raro un silentio, un solitario horrore
d’ombrosa selva mai tanto mi piacque:
se non che dal mio sol troppo si perde.