Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Pien di quella ineffabile dolcezza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pien di quella ineffabile dolcezza

../In mezzo di duo amanti honesta altera ../Se 'l sasso, ond'è piú chiusa questa valle IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

In mezzo di duo amanti honesta altera Se 'l sasso, ond'è piú chiusa questa valle

 
Pien di quella ineffabile dolcezza
che del bel viso trassen gli occhi miei
nel dí che volentier chiusi gli avrei
per non mirar già mai minor bellezza,

5lassai quel ch’i ’piú bramo; et ò sí avezza
la mente a contemplar sola costei,
ch’altro non vede, et ciò che non è lei
già per antica usanza odia et disprezza.

In una valle chiusa d’ogni ’ntorno,
10ch’è refrigerio de’ sospir’ miei lassi,
giunsi sol cum Amor, pensoso et tardo.

Ivi non donne, ma fontane et sassi,
et l’imagine trovo di quel giorno
che ’l pensier mio figura, ovunque io sguardo.