Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte terza. Riconciliazione/18. Amor di donna - LXX De inconstantia feminei amoris

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../17. Sugli annali di Volusio - XXXVII In annales Volusii

../19. A Manlio - LXVIII Ad Manlium IncludiIntestazione 9 gennaio 2016 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Traduzione - 18. Amor di donna - LXX De inconstantia feminei amoris
Traduzione - 17. Sugli annali di Volusio - XXXVII In annales Volusii Traduzione - 19. A Manlio - LXVIII Ad Manlium
[p. 192 modifica]

[LXX]

DE INCONSTANTIA FEMINEI AMORIS.


Nulli se dicit mulier mea nubere malle
2     Quam mihi, non si se Juppiter ipse petat.

Dicit; sed mulier cupido quod dicit amanti
4     In vento et rapida scribere oportet unda.




[p. 193 modifica]

18.

AMOR DI DONNA.


Dice la donna mia, ch’altri un amplesso
2     Mai non avrà, foss’anche Giove istesso;

Ma quel che dice mai donna a l’amante
4     scrivi al rapido vento o al mar sonante.