Della architettura della pittura e della statua/Della architettura/Libro settimo – Cap. XVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro settimo – Cap. XVII

../Libro settimo – Cap. XVI ../Libro ottavo – Cap. I IncludiIntestazione 30 dicembre 2015 75% Da definire

Della architettura - Libro settimo – Cap. XVI Della architettura - Libro ottavo – Cap. I
[p. 187 modifica]

Se e’ si debbon metter le statue ne Tempii, et di che cosa si debbon fare più commodamente.

cap. xvii.


SOno alcuni, che non vorrieno, che ne Tempii si mettessino statue, et dicono che il Re Numa non volle che ne Tempii si mettesse simulacro alcuno, seguendo la disciplina di Pitagora. Et perciò Seneca si rideva di se, et de suoi cittadini: scherziamo (diceva) come i bambini con le bambole, ma quelli che impararono da nostri Antichi adducendone la ragione discorrono in questo modo de le cose de gli Dii. Chi sarà tanto sciocco che non sappia che le cose de gli Dii si hanno a considerare con la mente et non con gli occhi. Et è cosa manifesta che e’ non si può dare alcune forme con le quali si possa in alcuna parte ancor che minima, imitare, o formare una cosa di tanta grandezza com’è Dio; et si pensa certo che giovi grandissimamente a potere conseguire, che ciascuno potrà secondo le forze sue intendere et conoscere et esser capace de la natura del primo motore, et de le superne inteligentie, se non vi saranno alcune statue fatte manualmente. Et cosi in questo modo più prontamente honoreremo il nome de la Maiestà divina. Altri la intendono per il contrario. Perciò che e’ dicono che certe sorti di huomini furono connumerati infra gli Dii, con ottimo certo et savio consiglio, acciò che gli animi de gli ignoranti più facilmente levandosi da la loro mala vita, si rivoltassino a dove fussino le statue, et andando ad adorarle, pensassino di andare ad adorare gli Dii. Altri credettero che e’ fusse bene porre in luoghi sacri et dove havessino ad essere veduti l’effigie di coloro, che havessino meritato assai da gli altri huomini, o che e’ pensassino che e’ fussino da dovere essere consacrati per Dii, accioche honorati da posteri gli accendessero di zelo di gloria cercando di imitarli. Ma egli certo importa assai, quali statue, et massimo ne Tempii, in quai luoghi, come spesse, et di che materia vi si ponghino. Percioche e’ non vi si hanno a mettere satue da far ridere, come quelle che si mettono ne gli horti, per [p. 188 modifica]spaventacchio de gli uccegli, ne come quelle che si mettono ne portici de Soldati, et simili. Ne giudico che sia bene metterle in luoghi stretti, et in luoghi che non sieno honorati. Ma tratteremo prima di che materia sia ben farle, et dipoi dell’altre cose. Dice Plutarco che gli Antichi facevano le statue di legno, si come in Delo fu la statua di Apolline, et in Popolonia vicina a Piombino ve ne fu una di vite consecrata a Giove, la quale molti raccontano che si mantenne salda lungo tempo; et come quella di Diana Efesia, che alcuni dicono che era di Ebano, et Mutiano dice che ella era di vite. Peras che fece il Tempio di Argolica, et vi consecrò la figliola per Badessa, vi fece un Giove d’un troncone d’un Pero. Furono alcuni che prohibirono che gli Dii si sculpissino in Pietre, perciò che elle sono dure et crudeli. Rifiutavano ancora l’oro, et l’argento, perche nascevano di terra sterile, et infelice, et perche havevano un colore pallido da infermi, et il Poeta dice questi versi:
Stava il gran Giove in sì piccolo albergo,

Ritto a gran pena, et nella destra mano

Alto teneva un fulmine di terra.

Appresso a gli Egittii furono alcuni che si pensarono che Dio fusse di fuoco, et che egli habitasse nello elemento del fuoco, nè potere essere compreso dal senso de gli huomini, et però feciono gli Dii di cristallo. Alcuni altri si pensarono che fusse bene fare gli Dii di Pietra nera, pensando che tal colore fusse incomprensibile. Altri finalmente di oro, per confarsi il colore alle stelle: ma io son stato sospeso di che cosa sia bene fare le statue de li Dii. Tu dirai certamente che quella materia in che si ha a intagliare la immagine di Dio, bisogna che sia oltra modo degna; accostasi alla degnità quella cosa, che è più che l’altre rara; niente dimeno io non son tale che io le voglia fare di sale, si come dice Solino, che erano soliti di fare i Siciliani, nè come dice Plinio, anco di vetro, nè di oro massiccio, ne di argento ancora, non perche io la intenda come coloro che ciò recusavano, per esser nato di terra sterile, et di color pallido: Ma ci sono molte cagioni che a ciò mi muovono, infra le quali ci è questa, che io mi persuado che e’ si appartenga alla Religione, che quelle statue, che noi porremo da doversi adorare come Dii, sieno per quanto si può simili a essi Dii; giudico adunque che gli huomini mortali le habbino a fare quanto più possono immortali, o qual dirò io che sia la cagione perche si stimi tanto una ricevuta openione da nostri maggiori di cosi fatte cose? che e’ si tenga per certo, che in questo luogo una dipinta immagine d’uno Dio ci esaudisca, et in questo altro una statua del medesimo Dio non esaudisca, non che altro, le orationi, et i voti de gli huomini giusti? Che più? se tu tramuti le medesime statue da luogo a luogo, alle quali il vulgo soleva portare grandissima reverentia, non troverai chi più gli creda, o gli faccia voti, come se elle fussino fallite; bisogna adunque che elle habbino i luoghi loro stabili, propii, et dignissimi. Dicono che e’ non ci è memoria alcuna infra gli huomini, che di oro si sia visto lavoro alcuno eccellentissimo, come che il principe de metalli si sdegni di esser troppo honorato da le mani de gli Artieri: se questo è cosi, non è bene fare le statue de gli Dii, che noi vorremo fare convenientissime, di oro. Oltre a che alcuni tirati dal deriderio de l’oro più facilmente fonderanno tutta la statua, che solamente la barba, essendo d’oro. Piacerammi molto di bronzo, se già non mi diletterà più il candore del bianchissimo marmo. Ma nel bronzo vi sarà un certo che, che io primieramente loderò, rispetto al durare assai, pur che noi le facciamo tali, che e’ sia maggiore il peccato nel guastarle, che il guadagno nel fonderle, per farne poi altro. Sieno veramente tali come se noi le havessimo fatte con il martello, o di lamine sottilissime, fondute che paia fatta appunto la pelle. Scrivono che fu fatto un simulacro d’avorio tondo, grande, che a gran pena capiva sotto il tetto del Tempio: [p. 189 modifica]a me non piace. Percioche e’ bisogna che e’ sia conveniente di grandezza, di forma, di disegno, et di convenienza di parti; et forse non stanno bene insieme le faccie de grandi Dii severi di barba et di ciglia, con l’effigie più dolci de le Vergini. Oltre a che se gli Dii saranno più rari, s’io non m’inganno, accresceranno la reputatione et la riverentia. Sopra uno Altare vi se ne porranno commodamente duoi, o non più di tre: il numero et moltitudine de gli altri si ponga nelle nicchie, in luoghi accommodatissimi. Io vorrei che lo scultore si ingegnasse quanto più puo di esprimere nel fare qualunque di questi Dii con habito, et con gesti da huomini grandi, qual sia stata la vita et i costumi loro. Io non voglio, il che tengono per cosa bella, che e’ paia quasi un histrione, o uno schermidore, ma voglio che et dal volto, et da tutto il resto del corpo mostri di se una certa gravità, et una maiestà degna certo di Dio: Et che e’ dimostri quasi col cenno et con la mano di esaudire et spontaneamente ricevere coloro che lo vanno ad adorare. Cosi fatte vorrei io che fussino le statue che si ponessino ne Tempii, et l’altre si lasciassero a Teatri, et a gli altri edificii secolari.


Della architettura della pittura e della statua, finalino, 189.jpg