Della dissimulazione onesta/XVIII. Del dissimular l'altrui fortunata ignoranzia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVIII. Del dissimular l'altrui fortunata ignoranzia

../XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono ../XIX. Del dissimular all'incontro dell'ingiusta potenzia IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XVIII. Del dissimular l'altrui fortunata ignoranzia
XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono XIX. Del dissimular all'incontro dell'ingiusta potenzia

Gran tormento è di chi ha valore, il veder il favor della fortuna, in alcuni del tutto ignoranti; che senz’altra occupazione, che di attender a star disoccupati, e senza saper che cosa è la terra che han sotto i piedi, son talora padroni di non picciola parte di quella. Veramente chi si mette a considerar questa miseria, è in pericolo di perder la quiete, se insieme non s’accorge che la medesima fortuna, che talora fa qualche piacere alla turba degli sciocchi, suol abbandonar l’impresa, e quando piú luce, si rompe, lasciando scherniti que’ che non son degni della sua grazia; e di piú la gente di questa qualità, non ha che pretender per l’acquisto di quella gloria, che solamente appartiene a chi sa da dovero; e se qualche uomo di eccellente virtú, alcuna volta sta quasi sepellito vivo, in ogni modo si ha da udir il grido del suo merito; e non solo la voce ne dee risonar tra quelli che vivono nel medesimo tempo, ma se ne va passando da un secolo all’altro; perché il vero valor è

che fa per fama gli uomini immortali,

come disse il Petrarca; e prima di lui Dante:

vedi se far si dee l’uomo eccellente
sí ch’altra vita la prima relinqua.
Di questa maniera si libera il nome dalle mani della morte,
ed un’anima piena di cosí alta
speranza, non sente noia che
a qualche indegno e da
poco, per poco tempo, si
faccia applauso, es-
sendo un salto di
fortuna che se
ne passa senza
lasciar ve-
stigio,
come il fumo
nell’aria.