Della imitazione di Cristo (Cesari)/Libro I/CAPO IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV. Della discrezione nell’operare.

../CAPO III ../CAPO V IncludiIntestazione 21 febbraio 2018 100% Da definire

Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo (1815)
Traduzione dal latino di Antonio Cesari (1815)
IV. Della discrezione nell’operare.
Libro I - CAPO III Libro I - CAPO V
[p. 10 modifica]

CAPO IV.


Della discrezione nell’operare.


1. Non è da dar fede a tutte le parole, nè ad ogni inclinazione; ma con accorgimento e con pazienza si dee disaminare la cosa secondo Dio. Ah miseria! spesse fiate più leggermente il male è creduto e detto degli altri, che non è il bene: cotanto noi siamo infermi! Gli uomini perfetti però non credono sì di leggeri a qualunque rapportatore; perciocchè sanno essi bene la fiacchezza dell’uomo al male inchinevole, e troppo sdrucciolevole nelle parole. [p. 11 modifica]

2. Ella è grande saviezza non essere alle opere precipitoso, nè perfidiare ne’ proprj sentimenti. A questa pure appartiene il non prestar credenza ad ogni cosa, che ti sia detta; nè le udite, o credute riversar di presente nell’altrui orecchie. Prendi consiglio da uomo saggio, e di buona coscienza, ed ama piuttosto di essere ammaestrato da migliore di te, che non di seguitare i tuoi ritrovamenti. La santa vita fa l’uomo saggio secondo Iddio, e conoscente di molte cose. Quanto altri sarà in se stesso più umile, e più a Dio soggetto, tanto sarà in tutte le cose più savio, e più riposato.