Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro quinto/6. Continua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6. Continua

../5. I Carolingi ../7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo IncludiIntestazione 17 aprile 2018 75% Da definire

Libro quinto - 5. I Carolingi Libro quinto - 7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo

[p. 143 modifica]6. Continua [840-888]. — Seguono contese di re, miserie di popoli, peggio che mai. — Lotario rimasto imperatore primario (perciocché oltre la confusione di tutti que’ gradi di sovranitá non sovrane che dicemmo, essendo pur questa degli imperatori in primo ed in secondo, ei ci è forza distinguere), Lotario, dico, va in Francia e Germania contro a’ fratelli Carlo il calvo e Ludovico, e ne tocca una gran rotta a Fontenay. Si ripacificano i tre [843] a Verdun, e Lotario n’ha oltre Italia tutta Francia occidentale. Nell’844 egli fa dal papa incoronar re di Italia Ludovico II suo figliuolo, e nell’849 l’associa all’imperio; e morendo poi nell’855, lascia gli altri Stati agli altri due suoi figliuoli, Lotario e Carlo. Durante questo regno, nuove guerre dei duchi di Benevento e di Spoleto, e delle cittá greche e de’ saracini, e nuovi turbamenti in Roma. I saracini vengono fino a questa, e depredano a San Pietro e San Paolo, ambe allora fuor delle mura; re Ludovico accorre, allontana la guerra; si cingono di mura le due basiliche; e il quartier di San Pietro ne prende da papa Leone IV il nome di «cittá leonina». — Ludovico II succede dunque alla dignitá d’imperatore primario, ma alla sola potenza reale di re d’Italia con Provenza. E cosí attese all’Italia, fu re piú italiano che gli altri; meno male quando un re straniero ha nazionali il piú degli Stati. Risedette in Pavia, l’antica capitale. Guerreggiò nel Friuli contra gli slavoni invadenti; e, durante quasi tutto il regnar suo, guerreggiò contro a’ saracini, alle cittá greche e al duca di Benevento. Prese Capua, Bari; fu fatto e rimase alcuni giorni prigione del duca; alcuni normanni infestarono quelle marine. Morí nell’875 senza figliuoli maschi. — Accorrono alla successione [p. 144 modifica]dell’imperio e del regno d’Italia Carlo il calvo re di Francia, Carlo e Carlomanno figliuoli di Ludovico re di Germania. Ma Carlo il calvo se ne libera per allora; ed è incoronato imperatore a Roma da papa Giovanni VIII, e poi re a Pavia. Ripassa in Francia, ritorna in Italia contro Carlomanno tornatovi; n’è cacciato, e fuggendo pel Moncenisio, muore lí nell’877. E continuano le depredazioni de’ saracini, le guerre complicate al mezzodí. — Carlomanno regna allora in Italia e l’anno 879 s’associa Carlo il grosso suo fratello giá re di Svevia, e muore nell’880; e continuano i saracini, le guerre di mezzodí, e i turbamenti di Roma. — Rimasto solo re d’Italia Carlo il grosso, prende l’imperio vacante da tre anni, ed è incoronato dal papa. Nell’882 ei succede all’altro suo fratello Luigi, e cosí riunisce, oltre Italia, tutta Germania. E nell’884 succede a Carlomanno cugino suo re di Francia; ond’egli riunisce, terzo dopo Carlomagno e Ludovico il bonario, tutto l’imperio. Sarebbe potuto credersi, che n’uscisse una restaurazione di questo; n’uscí la rovina ultima. La quale attribuita da quasi tutti all’incapacitá di Carlo il grosso, debbe forse attribuirsi anche piú alla tendenza naturale che aveano le diverse nazioni europee a ricostituire le loro nazionalitá, or riunite or divise ma sempre offese contro la natura delle schiatte e de’ limiti, da tutti i Carolingi. Niuna causa piú di questa operò a far finir cosí presto e cosí male quella dinastia giá cosí grandemente iniziata e dilatata in tutta la cristianitá. E noi viventi vedemmo una simile causa produrre un simile effetto, anche piú presto. Le nazionalitá poterono sí estinguersi nell’antiche barbarie, e talora nelle stesse antiche civiltá, perché queste erano poco meno che barbare. Ma la civiltá cristiana, nelle stesse sue etá dette «barbare» od «oscure», e tanto piú nelle progredite, fu sempre ed è tale, che non somministra mezzi alle distruzioni delle nazionalitá, non lascia possibili (almeno nel proprio seno) quelle estreme barbarie che sono a ciò necessarie. — Le nazionalitá cristiane si comprimono, ma non si distruggono; e le compresse si vendicano, sempre occupando e scemando le forze a’ compressori; e talora poi abbattendoli. I successori degeneri pagano allora i [p. 145 modifica]peccati di lor grand’avi: cosí Carlo il grosso quelli di Carlomagno. Ito Carlo a Francia nell’885, poi a Germania, gli è rapita Francia da Odone conte di Parigi, e Germania da Arnolfo duca di Carintia e bastardo di Carlomanno, nell’887; ed egli muore poi, naturalmente, o strozzato, in gennaio 888. Allora levasi ultima Italia; e di febbraio è incoronato re in Milano Berengario duca o marchese del Friuli, figlio di Gisela figlia di Ludovico il bonario. Cosí trovansi ridivise, ricostituite Francia, Germania e Italia; la prima per sempre fino a’ nostri dí; le due altre a rimescolarsi e impedirsi e nuocersi finora a vicenda. Qual secolo, qual confusione, quale storia, ci si conceda ripeter qui, come giá al tempo degli strazi dell’antico e vero imperio romano!