Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro quinto/7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo

../6. Continua ../8. Tre re francesi IncludiIntestazione 17 aprile 2018 75% Da definire

7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo
Libro quinto - 6. Continua Libro quinto - 8. Tre re francesi

[p. 145 modifica]7. Berengario I, Guido, Lamberto, Arnolfo, Ludovico, Rodolfo [888-924]. — Eppure, per noi, tutto ciò diventa anche peggiore e piú brutto. Questa era senza dubbio una grande occasione d’indipendenza, come all’altre, cosí alla nazione italiana. Se non che questa era men nazione che l’altre; non solamente, come l’altre contemporanee e feodali, non avea popolo formato né potente, ma nemmeno feodalitá nazionale. Que’ conti, marchesi o duchi (a cui fu aureo questo secolo, ferreo per ogni altro) erano almeno in Francia francesi, in Germania tedeschi; ma erano in Italia francesi o tedeschi di nascita o d’aderenze; ondeché l’Italia non italiana incominciò allora a dividersi in quelle parti francese e tedesca, che duraron d’allora in poi e dureranno fin tanto che l’indipendenza compiuta non c’insegni a usar le nazioni straniere come alleate straniere e non come capiparti nazionali. Se qualunque di questi principi stranieri avesse saputo staccarsi dall’aderenze straniere e farsi italiano, egli e i suoi nipoti avrebbero probabilmente regnato a lungo sull’Italia; o rimarrebbero almeno benedetti nella memoria degli italiani. Ma, perché a costoro, come a tanti poi, parve piú facile accettare un aiuto bell’e fatto da fuori, che non farsene uno addentro col buon governo e colla virtú, perciò non poser radice nella nazione, perciò ebbero a moltiplicare, a mutar ricorsi, e cosí s’avvilirono nell’opinione e nella realtá; e [p. 146 modifica]l’avvilimento li fece crudeli, scempi, perduti di vizi essi e lor donne, corrotti insomma e disprezzati in quella stessa corrottissima etá. Alcuni de’ papi del secolo scorso aveano, è vero, dato esempio di questi ricorsi stranieri; ma quelli n’avean dato uno, e questi ne dieder molti; quelli l’avean dato contro altri stranieri greci o longobardi, e questi li diedero contro nazionali e compagni di potenza; quelli poi avean pur dati molti esempi di appoggiarsi alla nazione, alle cittá, data a molte cittá l’indipendenza, e questi non la diedero; ondeché dee far meraviglia, che si accumulino gl’impropèri a que’ papi, e si risparmino a questi principi italiani, i quali anzi talor si lodano o compatiscono quasi vittime, di quella dipendenza di che furono strumenti od autori. Non compatiamo mai i potenti, che mal usarono la potenza. E sopratutto poi, giustizia eguale per tutti. — I tre duchi potentissimi fin da’ longobardi, Friuli, Spoleto e Benevento, eran rimasti tali sotto a’ Carolingi. Ma staccato l’ultimo oramai dal regno ed occupato contro alle cittá greche, Napoli, Amalfi, ecc., restavan dunque principali nel regno longobardo o d’Italia, i duchi del Friuli e di Spoleto. Duca del Friuli era quel Berengario affine de’ Carolingi che prese la corona d’Italia fin dal febbraio 888, ma che dicesi l’avvilisse subito riconoscendola feodalmente da Arnolfo re di Germania. E duca di Spoleto era Guido; pur affine, dicesi (ma si disputa come), de’ Carolingi. Questi tentò prima la corona di Francia e andovvi; ma respintone, tornò tra noi con aiuti francesi. S’impadroni dell’occidente, e mosse contro a Berengario forte all’oriente. Combatterono a Brescia [888], ricombatterono sulla Trebbia [889]; e vinto allora Berengario, si ridusse intorno a Verona, mentre Guido si fece incoronar re in Pavia, e quindi imperatore in Roma [891], e s’aggiunse all’imperio suo figliuolo Lamberto [892]. — Ma Arnolfo il re tedesco, signore del re italiano Berengario, mandava in aiuto a costui suo figliuolo Sventebaldo [893]; e scendeva egli poi con Berengario ito a sollecitarlo. Prendeva Bergamo; uccideva, prendeva o mutava conti e marchesi; e facevasi incoronar esso re d’Italia; a ragione, io direi, poiché era signor del [p. 147 modifica]re; era vero re, poiché sommo. Poi prendeva Ivrea, e moveva a Borgogna contro Rodolfo alleato di Guido; ma respinto di lá, e respinto o noiato d’Italia, tornava a Germania, mentre moriva Guido imperatore. — E cosí rimaneva Italia con un imperatore, Lamberto succeduto al padre; e tre re competitori, il medesimo Lamberto, Arnolfo e Berengario [894]. Quindi ridiscende Arnolfo, e spoglia questa volta intieramente Berengario del regno e de’ contadi [895]; ed egli muove a Roma, la prende e si fa incoronare da Formoso papa. E qui, se non prima, incominciano a peggiorar que’ papi barcheggianti in mezzo a tutte queste brutte vicende d’Italia, e alle bruttissime di Roma, e tra i potenti e scellerati cittadini od anche cittadine di essa. E cosí, da questo fine del secolo nono a tutto il decimo e mezzo l’undecimo, succedettersi poi, con poche eccezioni, i peggiori papi che sieno stati mai, e come papi e come principi; finché non li vedremo corretti e ravviati da parecchi santi e da uno grandissimo. Ma ciò notato a compiutezza di veritá storica, noi non ci crediamo obbligati a fermarci, come desidererebbono alcuni, in queste turpitudini, piú che non abbiam fatto in quelle degli imperatori romani, o sarem per fare in quelle de’ principotti italiani. Non sarebbe gran male quando per «reverenza delle somme chiavi» s’usasse un po’ di mantello figliale. Ma insomma i papi son uomini; e se ne furono de’ corrotti in secoli corrotti, de’ deboli in secoli deboli, niuna serie di principi cristiani ha pur, come la loro, tanti nomi di rigeneratori della civiltá cristiana; niuna di principi italiani, dell’italiana. E noi ciò gridammo, e n’avemmo nome di «papalini», quando giá pareva ingiuria; e ciò ripetemmo quando, mutati gli auspíci nel 1846, gridavasi papalina Italia intiera; e ciò ripetiamo rimutati ora auspici, grida ed opinioni popolari. La storia non muta a seconda delle popolaritá: tenta guidarle, ed alla peggio, le sfida. — Ad ogni modo, nell’896, s’ammala Arnolfo il nuovo imperatore, e torna a Germania; risorgono Lamberto e Berengario; e corretti una volta fan pace tra sé, e ne riman divisa Italia, l’occidentale a Lamberto, l’orientale a Berengario. Ma muoion Lamberto a caccia a Marengo [898], e Arnolfo in Germania [899], e resta finalmente [p. 148 modifica]solo re Berengario. — Ma per poco; sorge a nuovo competitore Ludovico re di Borgogna, risuscita la parte di Lamberto. Scendono gli ungheri (non piú gli unni-ávari antichi, ma i magiari fattisi lor signori e chiamati sempre da noi col nome di lor soggetti), vincono Berengario e saccheggiano Lombardia. Quindi cresce Ludovico, batte anch’egli Berengario e si fa incoronar re [900], e poi imperatore a Roma; e Berengario fugge a Germania [901]. Ma Ludovico torna a Francia, e Berengario a Italia, e la tien tutta di nuovo alcuni anni [902-904]. Poi torna Ludovico appoggiato principalmente da Adalberto, uno di que’ marchesi o duchi di Toscana che eran venuti grandeggiando al paro o giá sopra i maggiori del regno; e signoreggia in tutta Italia e a Verona stessa, la capitale di Berengario. Ma Berengario rientra in questa a tradimento, spaventa i borgognoni, fa prigione Ludovico e il rimanda con gli occhi cavati in Borgogna, ove serbò il titolo d’imperatore, ma onde non tornò piú [905]. — Allora per la terza volta Berengario tien tutta Italia, e se ne mostra meno indegno. Respinge o piuttosto termina con doni una seconda invasione di ungheri; e contra essi poi fa o lascia fortificare le cittá, le castella, i monasteri di Lombardia; fatto notevole, che alcuni dicono origine, noi diremo solamente aiuto alle libertá cittadine future. Ei regna del resto tranquillo, quasi glorioso; e, tranne una terza ma breve invasione di ungheri, l’Italia settentrionale respira sotto lui un diciassette anni. Non la meridionale, stracciata al solito tra principi beneventani, cittá greche poco men che libere, greci che venivano di tempo in tempo, e saracini che stanziavano e grandeggiavano. Una mano di costoro scesi e stabilitisi a Frassineto presso a Nizza, trafilò tra alpe ed alpe fino a Susa, e poi fin nel Vallese. E contro a’ meridionali fu da papa Giovanni X chiamato Berengario, che venuto a Roma ne fu incoronato imperatore [916]; a’ saracini non pare facesse altro che paura. — Ma il regno italico settentrionale fu alla fine riperduto da alcuni di quegli scellerati marchesi, a cui non giovava aver tranquillitá ne’ re. Chiamano Rodolfo re della Borgogna trasiurana, cognato di Bonifazio di Toscana principale [p. 149 modifica]tra essi; lo traggono a Italia e l’incoronano re a Pavia [922]. Berengario chiama ungheri; fa battaglia a Firenzuola, è sconfitto [923]; ne chiama altri che prendono e saccheggian Pavia ed altre cittá, e passan fino in Francia ad assalir Rodolfo; e muore egli intanto, assassinato da uno de’ suoi in Verona [924]. Di costui, che fin da principio fece vassalla la corona d’Italia, che dal principio al fine per trentasei anni di regno interrotto fu il piú gran chiamatore e soffritore d’ogni sorta stranieri, fecero alcuni moderni un eroe d’indipendenza italiana! Povera storia, povera politica, povera indipendenza italiana! come s’interpretano!