Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro terzo/1. Augusto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
1. Augusto

../../Libro terzo ../2. Continua IncludiIntestazione 14 aprile 2018 75% Da definire

Libro terzo Libro terzo - 2. Continua

[p. 65 modifica]



1. Augusto [30 av. G. C.-14 dopo]. — Il ritorno d’Augusto e i quarantaquattro anni che seguirono di tranquillitá e d’ordine restituito, furono in Roma molto simili a quelli veduti a’ nostri dí in Francia sotto Napoleone consolo. A’ piú terribili e piú colossali turbamenti che sieno forse stati mai in niuna gran civiltá, succedevano clemenza, riposo, riordinamento. Le lunghe guerre, le proscrizioni aveano spenti i piú appassionati, rinnovata la generazione. Tutti erano stanchi, tutti capacitati dell’impossibilitá d’una restaurazione repubblicana, tutti della necessitá del principato. Cesare Ottaviano, tra breve per antonomasia, per adulazione religiosa, detto Augusto, pareva nato a tale uffizio; scellerato repubblicano, ottimo, modesto principe. Non ebbe corte all’orientale, alla moderna; bensí, ad uso patrio, gran clientela, di quasi tutti i grandi scrittori che nominammo testé, e di molti altri men nominati o innominati, che sogliono far volgo in tutte le grandi etá letterarie, e poi degli artisti ed artefici che abbellivan Roma a’ cenni di lui, e principalmente di tutti i postulanti o possessori d’impieghi e cariche, e magistrati della repubblica. Perciocché ei conservò di questa il nome e tutti gli uffizi, contentandosi di usurpare e unire in sé i maggiori. Prese, non ottenuta l’ultima vittoria, quello d’imperatore [31]; subito dopo, la potestá tribunizia perpetua [30]; quindi il consolato dapprima annuo, poi perpetuo [19], lasciandone gli onori senza potenza a due consoli supplementari (suffecti); la censura, pur perpetua [id.]; e finalmente il pontificato massimo [15]. — Al [p. 66 modifica]popolo lasciò i comizi, ma ridotti a poche elezioni. Le piú furono date via via al senato fatto e rifatto da lui, tutto suo; e con questo divise le province, commettendogli le piú tranquille, tenendo egli quelle di frontiera. Alle senatorie furono eletti proconsuli, alle imperiali scelti legati. — Ordinò gli eserciti in campi stanziali (stativa); una guardia del principe (cohortes praetorianae), una urbana (cohortes urbanae) presso la cittá; le legioni al Reno, al Danubio, all’Eufrate, al Nilo, all’Atlante; due flotte di qua e di lá ai due mari d’Italia, a Miseno e a Ravenna. — Ordinò le finanze: due casse distinte, il fiscum dell’imperatore, l’aerarium dello Stato; il primo, maggiore e fornito dalle terre dette perciò «confiscate», e da’ tributi delle province imperiali; il secondo, da quelli delle province senatorie. Le necessitá sorte a poco a poco avevano stabilita quella varietá di tributi, che la scienza moderna disapprovò giá, ma approva ora unanimemente; proprietá e mutazioni di proprietá territoriali, commerci interni ed esterni, sostenevano il carico pubblico. — Né trascurò, anzi compiè, le conquiste: e fermolle con ammirabile opportunitá. E prima ridusse i salassi, ed altre genti galliche alpestri; fatto piccolo ma notevole, perché solamente allora, e cosí dopo quattro secoli, si vede terminata la gran guerra nazionale contro ai galli, e compiuta la conquista della penisola, a cui intiera s’estese allora il nome d’Italia. Né è senza onore al complesso di queste genti, che diremo «italiane» d’ora in poi, che la conquista, l’unione di esse a Roma, abbia cosí costato altrettanto tempo, quanto appunto ne costò tutto il resto del mondo romano, tutto il cerchio del Mediterraneo. Attorno al quale poi e nell’interno del continente furono finiti di ridurre i celtiberi dei Pirenei, gli armorici ed ultimi galli occidentali, i reti, i vindelici, i norici, i pannoni, i mesii, tutti i germani e slavi di qua del Danubio, e in Asia gli armeni. E furono tentati poi altri estendimenti; minacciati i parti, ma non assaliti di fatto; tentati gli arabi e gli etiopi, ma fino al deserto solamente, ed ivi lasciati; assaliti bensí piú volte e fortemente i germani d’oltre Reno e Danubio, ma con successi vari dapprima, e lasciandovi finalmente l’ossa delle legioni [p. 67 modifica] di Varo, distrutte da un duce a cui ne rimase il nome generico di «guerriero», Heerman od Arminio [9]. Piansene Augusto, ma non era un Giulio Cesare da andarvi e vincervi: mandovvi legati; e quella guerra trasmessa dall’uno all’altro de’ suoi successori, non proseguita da niuno di essi, nemmeno forse da Traiano, coll’antica ostinatezza romana, quella guerra germanica occupa tutta l’etá che incominciamo, non finisce se non con lei, cioè coll’imperio occidentale.