Due versi di Antonio Manussos/Quattro linee

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quattro linee scritte vent'anni fa

../Marco Renieri ../Lettera IncludiIntestazione 20 febbraio 2012 100% Sonetti

Marco Renieri Lettera
[p. 214 modifica]

QUATTRO LINEE


scritte vent’anni fa.



Manussos logo.pngn Giornale intitolato Il Corriere Italiano, che pubblicavasi a Vienna in quell’epoca, al numero 292, del 19 Dicembre 1856, nel fare la descrizione del ritorno in Atene di S. M. il Re Ottone di Grecia, si piacque puranche di fare onorevole menzione del mio nome, e delle cose mie, perciò ho creduto dovere, almeno di riconoscenza verso lo ignoto redattore, di cogliere cotesta occasione e riprodurre oggi il di lui articolo nel libro mio come monumento storico. Esso pubblicava pure una mia poesia che ho creduto superfluo di riprodurla. [p. 215 modifica] „Quanto non ho io ammirato, durante il mio viaggio in Grecia, diceva a Venezia l’arciduca Massimiliano, a Monsignor Benedetto Kraglievich, l’amore del popolo greco verso il suo Re....! ovunque io entrava, perfino nelle più umili capanne, io vedeva il ritratto del Re posto presso le immagini de’ santi.... e quella buona gente me lo mostrava colle lagrime agl’occhi.... il nostro Re! mi diceva essa, il nostro Re!....

Si sa che Sua Maestà fu costretta, a motivo del mal tempo, dar fondo a Navarino. La notizia del suo arrivo si diffuse come il lampo, ed in un momento le popolazioni dei dintorni, vecchi, donne, fanciulli accorsero dinanzi al comun padre!.... Non era entusiasmo, ci fu scritto da Navarino, era un delirio! le madri mostravano a dito ai loro figli Sua Maestà, i vecchi piangevano.... i giovani avevano il volto contratto dalla commozione!... quanto si deve andar superbi di essere tanto amati dal suo popolo!“

Si sa con quale entusiasmo la nostra città accolse le Loro Maestà, nè io mi ci trattengo.

Parecchi giornali parlarono di que’ mille sonetti che piovevano quel giorno sul passaggio del Re. La poesia entra in tutti gli atti della vita del popolo greco. Fra quelle numerose composizioni poetiche, fu molto lodata quella su cui si leggeva il nome, Manussos. L’autore è un giovane poeta che si distingue non solo nella lingua d’Omero ma in quella pure di Dante.