Dunque, o vaga mia diva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Felice Zappi

Indice:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu Poesie letteratura Dunque, o vaga mia diva Intestazione 14 febbraio 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
[p. 37 modifica]

  Dunque, o vaga mia diva,
Voi mi gradite men, perchè in sembiante
Pallido mi vedete?
Ah se non lo sapete
Questo è il color d’ogni più fido amante: 5
Questo è il color che Amore
Di sua man intinge e segna,
Nè vanno i suoi guerrier sott’altra insegna.
Benchè sia pallidetta
La vaga violetta, 10
Non è che non sia bella;
La coglie dal terren
E se la pone in sen
La pastorella.
Benchè non sia vermiglio 15
Il candidetto giglio,
V’è chi sen innamora;
Lo coglie sul mattin
La vaga aurora.