Elegia ad Ortalo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
latino

Gaio Valerio Catullo I secolo a.C. E XIX secolo Tommaso Puccini Indice:Collezione d'opuscoli scientifici e letterarj 4.djvu Poesie letteratura Elegia ad Ortalo Intestazione 9 marzo 2012 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
[p. 60 modifica]

Benchè grave pensiero, assidua doglia,
     Ortalo, ond’io mi dolgo, al dotto coro
     3Delle Pierie Vergini mi toglia;
Nè far possa la mente altrui tesoro,
     Che in cento mali ahi lassa! ondeggia, e cento,
     6Dell’armonìa, che vita ebbe da loro:
Poichè del mio German poc’anzi spento
     Il pallidetto piè bagnano l’onde
     9Entro il gorgo di Lete a muover lento,
Cui della Troade là sotto le sponde
     Preme, e all’aspetto dei fraterni rai
     12Ahimè la terra Iliaca nasconde.
O de’ miei giorni a me più caro assai
     German, ti parlerò? Tue chiare gesta
     15Narrar ti udrò? Non ti vedrò più mai?
Eppure io ti amerò sin che mi resta
     Aura di vita: ognor la musa intensa
     18A pianger fia la sorte tua funesta.
Filomela così sotto la densa
     Ombra dei rami geme in flebil verso
     21Iti fatt’esca alla paterna mensa.
Eppure in tante acerbe angoscie immerso
     A te questo mio Carme, Ortalo, invio,
     24Dai Carmi di Callimaco converso.
Perchè non stimi, che dal petto mio
     Mal fidati in balìa d’errante nembo
     27Usciro i detti tuoi sparsi d’oblio.
Come di Verginella esce dal grembo
     Pomo, furtivo don d’amante sposo,
     30Immemore che sotto al sottil lembo
Della veste lo avea, misera! ascoso,
     Se la madre improvvisa la sorprende,
     33Balza su dritta in piè, precipitoso
Roteando all’ingiù quello discende;
     Coscienza del fallo la contrista,
     36E ambe le gote di rossor le accende.