Il milione (Pagani, 1827)/Il Milione di Marco Polo, Testo della Crusca/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
9. Come Messer Marco tornò al Gran Cane

../8 ../10 IncludiIntestazione 25 gennaio 2017 25% Da definire

9. Come Messer Marco tornò al Gran Cane
Il Milione di Marco Polo, Testo della Crusca - 8 Il Milione di Marco Polo, Testo della Crusca - 10

[p. 7 modifica]9. come messer marco tornò (3) al gran cane.

Or tornò messer Marco al Gran Cane colla sua ambasciata, e bene seppe ridire quello, perchè egli era ito, e ancora tutte le maraviglie e le grandi e le nove cose che avea trovate. Sicchè piacque al Gran Cane e a tutti i suoi baroni, e tutti lo commendarono di gran senno e di grande bontà, e dissero se vivesse diverrebbe uomo di grandissimo valore. Venuto di questa ambasciata, sel chiamò il Gran Cane sopra tutte le sue ambasciate, e sappiate che stette col Gran Cane bene ventisette anni. (4) E in tutto questo tempo non finì d’andare in ambasciate per lo gran Cane, poichè recò sì bene la prima ambasciata. E faceagli tanto d’onore lo signore, che gli altri baroni ne aveano grande invidia: e questa è la ragione perchè messer Marco seppe più di quelle cose, che nessuno uomo che nascesse al mondo.


(1) Avuti per folli (C. Pucc.) - (2) Sicchè Marco essendo avvisato di ciò (ibid.)(3) Dalla sua ambasciata (C. Pucc.) - (4) Diciassette anni (C. Magliab. II.) Annis decem et septem, quibus fuit familiaris ipsius (C. Ricc.)


Varianti

[p. 7 modifica](3) Dalla sua ambasciata (C. Pucc.) - (4) Diciassette anni (C. Magliab. II.) Annis decem et septem, quibus fuit familiaris ipsius (C. Ricc.)