Inno a Bacco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Callimaco III secolo a.C. I 1824 Angelo Maria Ricci Indice:Le odi di Anacreonte e di Saffo.djvu Poesie letteratura Inno a Bacco Intestazione 7 settembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Traduzione dal greco di Angelo Maria Ricci (1824)
III secolo a.C.

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Le odi di Anacreonte e di Saffo


[p. 153 modifica]

INNO A BACCO.


Da Callimaco.


Evoè Bacco signor delle genti,
     Della gioja custode ed autor;
     Te non fece tra i nembi frequenti
     4Cieco Nume de’ vinti il timor.
Tu recando la gioja tranquilla,
     Che de’ Numi fa dolce il poter,
     Tu raccendi la pura favilla
     8Che la vita condì col piacer.
Tu non versi da’ monti nembosi
     Le tempeste in cui Giove regnò,
     Ma distilli da’ colli ubertosi
     12Viva ambrosia che il sol colorò.
Tu non copri di luridi ossami
     Le campagne per barbaro allor,
     Ma a regnar sull’aratro vi chiami
     16Coronato di spighe il cultor.
Te non fuggon le madri, le spose
     Allo squillo di tromba feral,
     Ma i tuoi sistri accompagnan festose
     20Dalla rocca alla selva ospital.

[p. 154 modifica]

Te di pampini, o Nume clemente,
     Cinge Amore per man della Fè,
     E col tirso la Gioja innocente
     24Della terra lo scettro ti diè.