Io son del «ti» sí forte innamorato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Io son del «ti» sí forte innamorato Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Él mi rincresce sí lo star di fuore Tre anni e piú fa mò, ch'Amor mi prese
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 2 modifica]

III

Celebra l’iniziale del nome di Trebaldino, per amor di lui.

Io son del «ti» si forte innamorato,
per ch’è principio de liggiadro nome;
sonne piti vago, ch’el fanciul di pome,
4tra letter’e vocali ch’io l’ho chiosato
e, per piú onor, de perle fegurato,
per piagere a colui, de cui io Tòme
suo servidor de quel, ch’io posso, come
8colui, ch’aspetta d’esser meritato.
Solo una grazia t’addomando, Amore:
fa’ch’io non péra sotto’l tuo pennello,
11però che vi Siria gran disinore,
sed io morisse d’un picciol quadrello;
da puoi che tu m’hai messo in tanto errore,
14fa’ch’io non mòra nel tempo, che gello.