L'Eterna voce, al cui suono risponde

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Eustachio Manfredi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura L’Eterna voce, al cui suono risponde Intestazione 9 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Eustachio Manfredi


[p. 261 modifica]

XV1


L’Eterna voce, al cui suono risponde
     Il mar la terra il ciclo, e che sovente
     Rimbomba ancor tra la perduta gente
     Nelle valli d’Inferno ime e profonde,
5Certò è quella, o Mancin, che in queste sponde
     Alto suonar sul labbro tuo si sente,
     Nostra rara ventura, e chiaramente
     A noi rivela ciò che ad altri asconde.
Venite, o genti, ad ascoltar sul Reno
     10Come or lusinghi, ed or tuoni d’un Dio.
     La voce, e or stringa e or lenti all’alme il freno,
Ma se alcun d’ascoltarla oggi è restìo,

[p. 262 modifica]

     Più non udralla, o l’udrà tardi almeno,
     Nella gran valle dell’eterno Addio.


Note

  1. Per il P. Mancini, quando predicò in Bologna.